Salta al contenuto principale

Camorra, Dia confisca beni per 800.000 euro
ad un affiliato del clan Maiale

Basilicata

Tempo di lettura: 
0 minuti 58 secondi

SALERNO - La Direzione Investigativa Antimafia di Salerno ha eseguito un provvedimento di confisca, firmato dal presidente della Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Salerno, nei confronti di Felice Balsamo, classe 1954, originario di Padula, in provincia di Salerno, ma da tempo residente in Sala Consilina. Complessivamente è stato confiscato un patrimonio immobiliare per oltre 800.000 euro.

Il Tribunale ha confermato l’ipotesi investigativa presentata dalla Dia sulla pericolosità sociale di Balsamo, attivo nel clan capeggiato da Giovanni Maiale, radicato a Eboli e Battipaglia, sia l'illecita provenienza del denaro utilizzato per l’acquisto di un significativo patrimonio immobiliare, spalmato tra Roma e la provincia di Salerno, acquisito nell’arco di dieci anni, ossia dal 2000 al 2010.

In questo arco temporale, il Tribunale ha evidenziato, così come rilevato dalle indagini, che Balsamo era dedito ai reati di usura, truffa, ricettazione ed estorsione, realizzati in concorso con altri soggetti anche in provincia di Potenza. Balsamo, benché già sottoposto alla misura di prevenzione personale della sorveglianza speciale per tre anni nel 2008, interamente scontata, nel 2012 è stato colpito da due ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal Tribunale di Lagonegro e Sala Consilina. (Adnkronos)

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?