Salta al contenuto principale

Policoro diventa la capitale swing
Parte il festival di cultura americana

Basilicata

Tempo di lettura: 
3 minuti 31 secondi

 

POLICORO diventa la capitale swing del sud con la prima edizione di “Policoro in Swing”, festival di cultura americana degli anni’ 30 e ’40 che colorerà le strade di Policoro con i suoni, le acconciature, gli abiti e soprattutto i balli dell’epoca. Sette giornate intense tra classi di swing con maestri che arrivano da tutta Europa. Balli scatenati alla sera con dj e orchestre live di swing. Accessibile a tutti, sarà una vera e propria vacanza vintage.     
Durante il giorno oltre alle classi di swing si potranno seguire i corsi di vela e alla sera , provare i passi durante il concerto dell’orchestra o del dj di turno. La musica (neanche a dirlo), sarà rigorosamente swing.
Dopo il successo delle prime cinque edizioni di “Policoro in Musica”, l’associazione culturale Alia prosegue nel suo percorso di crescita e di evoluzione, cercando ogni anno di rinnovarsi e migliorarsi. La grandissima novità dell'edizione 2013, che caratterizzerà anche le successive, è l’inserimento del ballo come elemento integrante dei concerti di musica jazz-swing. 
Alia, infatti, intende realizzare un festival dove le sonorità delle grandi orchestre jazz si mescoleranno ai ballerini professionisti ed appassionati che, tra gonne ondeggianti, acconciature d’epoca e bretelle, trascineranno il pubblico nelle allegre atmosfere delle affollatissime sale da ballo degli anni ‘20 fino agli anni ‘50.
Altra fondamentale novità strettamente legata alla realtà turistica di Policoro, nota per le attività sportive di vela, è l’organizzazione di un campo scuola di ballo Swing “Hercules Camp” e di una regata a tempo di Swing “Hercules, blowing in the swing!”. Il connubio swing e vela di Policoro in Swing, dove le vele e le gonne si gonfieranno allo stesso ritmo, rappresenta un’esperienza unica al mondo.
Altre caratteristiche, ormai consolidate negli anni, sono l’assegnazione del premio “Ercole Swing” e l’attenzione verso il sociale attraverso il coinvolgimento dell’Associazione Italiana Persone Down (AIPD - sede di Matera).

POLICORO diventa la capitale swing del sud con la prima edizione di “Policoro in Swing”, festival di cultura americana degli anni’ 30 e ’40 che colorerà le strade di Policoro con i suoni, le acconciature, gli abiti e soprattutto i balli dell’epoca. 

 

Sette giornate intense tra classi di swing con maestri che arrivano da tutta Europa. Balli scatenati alla sera con dj e orchestre live di swing. Accessibile a tutti, sarà una vera e propria vacanza vintage.     

Durante il giorno oltre alle classi di swing si potranno seguire i corsi di vela e alla sera , provare i passi durante il concerto dell’orchestra o del dj di turno. La musica (neanche a dirlo), sarà rigorosamente swing.

Dopo il successo delle prime cinque edizioni di “Policoro in Musica”, l’associazione culturale Alia prosegue nel suo percorso di crescita e di evoluzione, cercando ogni anno di rinnovarsi e migliorarsi. La grandissima novità dell'edizione 2013, che caratterizzerà anche le successive, è l’inserimento del ballo come elemento integrante dei concerti di musica jazz-swing. 

Alia, infatti, intende realizzare un festival dove le sonorità delle grandi orchestre jazz si mescoleranno ai ballerini professionisti ed appassionati che, tra gonne ondeggianti, acconciature d’epoca e bretelle, trascineranno il pubblico nelle allegre atmosfere delle affollatissime sale da ballo degli anni ‘20 fino agli anni ‘50.Altra fondamentale novità strettamente legata alla realtà turistica di Policoro, nota per le attività sportive di vela, è l’organizzazione di un campo scuola di ballo Swing “Hercules Camp” e di una regata a tempo di Swing “Hercules, blowing in the swing!”. 

Il connubio swing e vela di Policoro in Swing, dove le vele e le gonne si gonfieranno allo stesso ritmo, rappresenta un’esperienza unica al mondo.Altre caratteristiche, ormai consolidate negli anni, sono l’assegnazione del premio “Ercole Swing” e l’attenzione verso il sociale attraverso il coinvolgimento dell’Associazione Italiana Persone Down (AIPD - sede di Matera).

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?