Salta al contenuto principale

Ecco il biglietto da visita
verso la candidatura

Basilicata

Tempo di lettura: 
3 minuti 11 secondi

MATERA - Un'occasione importante su cui Matera ha puntato molto e che quest’anno diventerà anche simbolica. I dettagli dell’appuntamento 2013 con Materadio dal 21 al 23 settembre verranno  resi noti questa mattina alle ore 12,  presso la sala conferenze della Sede della Commissione europea a Roma nel corso di una conferenza stampa per la presentazione della terza edizione della festa di Rai Radio3 che  sarà interamente dedicata alle città candidate a capitale europea della cultura per il 2019. Alla conferenza stampa parteciperà, fra gli altri, il direttore di Rai Radio3, Marino Sinibaldi.

La corsa verso la capitale europea della cultura nel 2019 è entrata, anzi sta entrando, nel vivo proprio in queste ore e Materadio cadrà a poche ore dalla scadenza dei termini per la presentazione delle candidature. Una coincidenza che non poteva passare inosservata e che unirà quindi, anzi si caratterizzerà proprio per ciò che potrà succedere.

«Negli anni passati si sono contati oltre si milioni di contatti, per noi questa è una ribalta importante davvero e sulla quale puntiamo» spiega l’assessore comunale al turismo Alberto Giordano. Il dossier per la candidatura è pronto, va limato, nelle prossime ore sarà approvato anche dal cda di Matera 2019 ma nel frattempo si lavora a più ampio raggio.

«Materadio costituisce per noi un punti di riferimento perchè unisce eventi, dibattiti, musica, teatro. Di tutto un po’, in questa edizione spingeremo molto poi sull’idea e sul progetto che abbiamo voluto oltre due anni fa di Italia 2019. L’idea è quella di garantire un lavoro, una rete di rapporti e di interventi che dia risultati a tutti a prescindere da chi sarà la capitale della cultura nel 2019».

E dunque in questo senso la presenza annunciata di almeno una decina delle principali realtà candidate con presidenti e direttori che curano il progetto verso il 2019 è il primo ed importante elemento che coinvolgerà completamente nei tre giorni dal 20 al 22 di settembre che caratterizzeranno l’appuntamento di quest’anno.

Non mancheranno all’appuntamento quest’anno anche tanti dei sindaci che puntano alla capitale della cultura. Un’ulteriore e importante occasione per Matera anche per Radio 3.

In più di turismo e cultura si parlerà certamente con il ministro Massimo Bray che si occupa di turismo e di cultura appunto come deleghe specifiche e che sarà presente nella seconda giornata dell’appuntamento. Difficile, anzi probabilmente rinviato invece, l’appuntamento con il ministro della pubblica istruzione Maria Chiara Carrozza che pure importanti indiscrezioni davano in arrivo e che invece sembra essere stato rinvato ad un’occasione successiva.

Ma il simbolismo e il coinvolgimento maggiore verrà, certamente, anche dal fatto che proprio in quei giorni comincerà davvero e finalmente ad essere più chiaro il quadro delle candidature e molte delle carte di cui si continua a parlare in questi giorni saranno finalmente sul tavolo.

«Io credo che oggi l’Italia continui a puntare, anche per il futuro, sulla cultura e quella una delle risorse» spiega Giordano, «la stessa nomina che abbiamo verificato proprio in questi giorni di quattro esponenti che vengano proprio dalla cultura a senatori a vita conferma che il paese esprime questo tipo di volontà in maniera decisamente forte».

La presentazione di questa mattina sarà solo un primo appuntamento di un settembre di grandi occasioni da cogliere per la città. Il sindaco Adduce qualche giorno fa aveva confessato: «noi abbiamo dovuto fare delle scelte e abbiamo puntato meno sui mesi estivi e molto su settembre, con Materadio ma non solo». Una scelta che negli ultimi due anni pare aver dato i suoi frutti.

p.quarto@luedi.it

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?