Salta al contenuto principale

Vibac, il sito di Viggiano non è più competitivo
Nuovo incontro tra Rsu e azienda

Basilicata

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 41 secondi

VIGGIANO - Continua la mobilitazione dei lavoratori della Vibac.
E’ previsto per questa mattina un incontro tra l’azienda e i segretari provinciali di categoria, mentre nel pomeriggio si terrà un’ulteriore riunione tra i vertici della ditta e le rsu, per entrare nel dettaglio del piano di organizzazione che la stessa direzione ha illustrato nei giorni scorsi ai rappresentanti dei lavoratori.
Un piano in cui l’azienda ha esposto la grave situazione di difficoltà– si legge nel verbale - nella quale si è venuta a trovare a causa - secondo quanto riferisce la stessa società - “di generalizzata crisi di mercato, dovuta alla grave e persistente crisi congiunturale economica, sia nazionale che mondiale; ingresso di nuovi produttori da paesi emergenti capaci di conquistare quote di mercato grazie a maggiore competitività; elevato costo del prodotto rispetto ai prezzi di vendita imposti dal mercato e impossibilità da parte del gruppo di sopportare ulteriori perdite operative che minano la continuità del gruppo stesso”.
Non solo. Il documento evidenzia pure «la conseguente mancanza di competitività del sito, tale da rendere imprescindibile ed urgente l’adozione di contromisure volte ad evitare la chiusura e ad innescare inoltre eventuali progetti di investimento.
Dietro sollecitazione della rsu l’azienda ha confermato che «l’attuale struttura dei costi risulta essere tale da rendere antieconomico il proseguimento dell’attività produttiva», evidenziando «l’esigenza di ridurre il costo del personale di 2.800.000 euro».
La riduzione “potrebbe essere raggiunta attraverso un diverso assetto organizzativo (funzionale al miglioramento del livello di produttività e ad una riduzione dei costi indiretti ) e una rivisitazione degli istituti retributivi non derivanti dalla contrattazione di primo livello”. Insomma una situazione delicata e complessa che ha portato le parti a programmare successivi incontri per “un approfondimento tecnico – conclude il verbale - sugli strumenti eventualmente da adottare e sulle conseguenti ricadute economiche pei i lavoratori”..

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?