Salta al contenuto principale

Rissa con spranghe tra lucani e siciliani "in trasferta": 4 arresti

Basilicata
Chiudi
Apri
Didascalia Foto: 
I corpi contundenti sequestrati dai Carabinieri di Gattatico
Tempo di lettura: 
0 minuti 45 secondi

REGGIO EMILIA – Rapporti di vicinato burrascosi quelli tra due nuclei familiari residenti a Cadelbosco Sopra, nella Bassa Reggiana culminati con una rissa a suon di sprangate che ha visto l'intervento dei Carabinieri di Gattatico i quali, grazie anche alle riprese video delle telecamere installate in un'abitazione, hanno arrestato 4 persone con l'accusa di concorso in rissa aggravata. I militari hanno fermato un operaio e il suocero, originari del Materano e un muratore e il figlio originari del Palermitano. I 4 compariranno oggi davanti al Tribunale.

Nella rissa, avvenuta ieri verso le 18.30, il muratore e il figlio hanno riportato ferite giudicate guaribili, rispettivamente, in 5 e 15 giorni. A scatenare la lite - ripresa dal sistema di videosorveglianza esterna dell'abitazione dei due feriti - una segnalazione per la presunta presenza di 'rifiuti tossici'. Sul posto i militari hanno rinvenuto e sequestrato un bastone di legno, un tubo di ferro ed una pala da muratore, utilizzati durante la rissa.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?