Salta al contenuto principale

Operazione Suggello, arrestato il presidente Pittella

Svelato un sistema di corruzione nei concorsi pubblici

Basilicata
Chiudi
Apri
Nella foto: 
La conferenza stampa degli inquirenti
Tempo di lettura: 
1 minuto 30 secondi

MATERA – L’hanno chiamata “Suggello”, dal termine utilizzato in un’intercettazione della dirigente amministrativa Maria Benedetto, arrestata stamane insieme con il commissario dell’Azienda sanitaria materana, Pietro Quinto, ed altre 28 persone indagate ed ai domiciliari, tra cui il presidente della Regione Marcello Pittella, più 8 con obbligo di dimora. Infatti, la lista dei raccomandati, letta dalla Benedetto a Quinto, aveva “il suggello del presidente” Pittella.

LEGGI LA NOTIZIA DELL'ARRESTO
DEL PRESIDENTE MARCELLO PITTELLA

Così l’indagine condotta dalla Guardia di finanza di Matera e coordinata dalla Procura provinciale, è stata illustrata un’ora fa dal procuratore capo Pietro Argentino, che ha elogiato il grande lavoro degli inquirenti, partito nel 2016 dalla denuncia di un ex dipendente della società cooperativa “Croce Verde Matera”, poi divenuta “Croce Verde Materana”, scatola cinese pare proprio per coprire presunte truffe nel sistema di trasporto degli infermi per conto dell’Asm.

> TUTTI I NOMI DELLE PERSONE COINVOLTE

Le intercettazioni telefoniche ed ambientali nell’ambito di questo primo filone, hanno portato nell’estate 2017 a svelare quello che si ritiene un sistema di corruzione nei concorsi pubblici all’Asm e al Crob, che avrebbe coinvolto anche l’Azienda sanitaria pugliese, per l’inserimento di un raccomandato del direttore Montanaro, anch’egli indagato ed ai domiciliari. Poi ci sono i suggeritori di raccomandazioni, tra politici e alti religiosi, nessuno dei quali è indagato perché si sono limitati a segnalare le persone, ma non hanno alcuna complicità nel sistema.

GUARDA IL VIDEO SULLA CONFERENZA STAMPA

Infine la presunta corruzione a carico di Quinto, per incarichi a una ditta edile e gli intrecci con un professore di Diritto amministrativo di Bari, dove il figlio del commissario Asm si è recentemente laureato. I capi d’accusa in totale sono ben 32, tutti suffragati da importanti indizi di reato. I dettagli ed i particolari dell’indagine domani sull’edizione cartacea.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?