Salta al contenuto principale

Agricoltura, dopo i danni del maltempo anche la speculazione: nei mercati prezzi alle stelle

Basilicata
Chiudi
Apri
Didascalia Foto: 
Colture danneggiate dalla neve in Basilicata
Tempo di lettura: 
1 minuto 47 secondi

POTENZA – Mercati meridionali (Napoli, Salerno, Taranto, Foggia) all’ingrosso di ortofrutta e di riferimento per i produttori lucani quasi vuoti sia di prodotti che di acquirenti e prezzi alle stelle: le melanzane sono arrivate a 3,00-3,50 euro/kg, i pomodori e le zucchine a 2,50 euro/kg. I limitati quantitativi di carciofi pugliesi in cella frigo stanno terminando. Rialzo vertiginoso, di conseguenza, per i prezzi dei carciofi tunisini ed egiziani, molto richiesti al momento. La produzione orticola siciliana, quella disponibile, supera i 3 euro al chilo; il ciliegino 1,90 euro, la melanzana 1,50 e il cetriolo 0,70 centesimi. E’ la “fotografia” scattata dalla Cia-Confederazione Italiana Agricoltori che evidenzia i tre comparti più a rischio in Basilicata: ortaggi invernali in campo, come legumi e carciofi, "gelati" , ortaggi 'fuori-serra' distrutti per un buon 80%; (produzione 2015 pari a 170 milioni euro); agrumi (produzione 2015 pari a 45,3 milioni); allevamenti (produzione 2015 pari a 152,4 milioni). Parliamo di prezzi ai mercati all’ingrosso – precisa la nota – che saranno decisamente più alti dal fruttivendolo come al supermercato. 

Le prime stime parziali elaborate dalla Cia – che sostiene l’iniziativa dell’assessore all’agricoltura Luca Braia per il riconoscimento dello stato di calamità e il più tempestivo avvio delle procedure di ristoro - parlano di alcune decine di milioni di euro di danni. Perdite di produzioni, guasti di beni strumentali, problemi logistici e di reperimento foraggio per gli allevamenti. Consumi almeno triplicati di gasolio ed energia per il riscaldamento di stalle e serre. In alcune zone gli alberi sono stati divelti dal forte vento, in altre si teme per la tenuta di molte piante da frutta. Un quadro critico che impone misure straordinarie per dare sollievo agli agricoltori colpiti. 

L’altra faccia della medaglia è che i prezzi tenderanno a salire sempre più. Ortaggi e verdure nostrane scarseggiano. A farla da padrone sono le produzioni spagnole, al momento: melanzane, peperoni, zucchine, pomodori ad esempio con quotazioni più accettabili, seppur sempre elevate. 

Tutto ciò mentre i nostri produttori – è scritto nella nota – sono in ginocchio e preoccupati che il gelo perduri in tutta la settimana. Tra le priorità segnalate: garantire la consegna del latte da parte delle aziende zootecniche che altrimenti si vedranno costrette a disfarsene.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?