Salta al contenuto principale

Fenice, risoluzione approvata
in Commissione Camera

Basilicata

La Commissione Ambiente della Camera dei Deputati ha approvato «all’unanimità la risoluzione relativa al termovalorizzatore Fenice». Margiotta: «soddisfatto del lavoro svolto in questi mesi»

Tempo di lettura: 
1 minuto 27 secondi

L'on. Salvatore Margiotta (Pd) ha annunciato che la Commissione Ambiente della Camera dei Deputati ha approvato oggi «all’unanimità la risoluzione relativa al termovalorizzatore Fenice» di Melfi (Potenza), che il deputato lucano ha presentato insieme all’on. Elisabetta Zamparutti (Radicali-Pd).

Margiotta ha sottolineato che il testo del documento «ha condotto ad unità le precedenti risoluzioni presentate singolarmente» da lui stesso e da Zamparutti. «Il Governo – ha aggiunto – ha espresso parere favorevole sulle richieste contenute nell’atto. In particolare la risoluzione impegna il Governo a verificare la fattibilità di un’indagine epidemiologica e biologica per conoscere lo stato della salute pubblica e dell’ambiente in tutta la zona del Vulture-Alto Bradano; ad operare per quanto di competenza, perchè sia effettuato un adeguato monitoraggio di tutte le matrici ambientali, ad iniziare dall’aria ed in particolare dalle diossine; ad adottare tutte le iniziative di competenza dirette a limitare il danno ambientale provocato, nonchè ad ordinare al soggetto gestore che ha cagionato danni ambientali di assumere le necessarie misure di ripristino».

Margiotta, che è vicepresidente della Commissione Ambiente, si è detto «soddisfatto del lavoro svolto in questi mesi in Commissione sul tema Fenice. L’aggressione all’ambiente lucano, sull'intero territorio, di questi ultimi anni è purtroppo una realtà con cui bisogna fare i conti, senza ipocrisie e senza infingimenti: le cronache di questi giorni, e la stessa lunga 347603audizione di ieri del Procuratore Colangelo presso la Commissione sul traffico illecito dei rifiuti, per giunta secretata, segno evidente ed inequivocabile che si è in presenza di ulteriori inchieste giudiziarie, evidenziano che la politica e le istituzioni lucane sono chiamate ad un incremento forte di attenzione ed impegno per la tutela dell’ecosistema lucano e della salute dei cittadini, e per impedire patologie criminali attorno al business dello smaltimento dei rifiuti».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?