Salta al contenuto principale

«Sul bonus benzina abbiamo visto giusto»
Il Pdl lucano tra attività e candidature

Basilicata

Tempo di lettura: 
2 minuti 3 secondi

La «svolta» sui temi energetici, primo fra tutti il petrolio, «con il memorandum, l’aumento dei proventi e il bonus benzina», è «uno dei successi del Pdl nella legislatura che si è appena conclusa»: le liste per le prossime elezioni «non sono state ancora fatte» e «non ci sono chiusure su questo argomento», in Basilicata «così come nel resto del Paese», anche se «da noi c'è un pò di voglia di protagonismo a ogni costo, ma noi non vogliamo emarginare nessuno».   È quanto hanno spiegato stamani a Potenza, nel corso della conferenza stampa di inizio anno, i parlamentari del Pdl, Guido Viceconte, Cosimo Latronico e Vincenzo Taddei, il capogruppo del partito nel Consiglio regionale, Nicola Pagliuca, e i rappresentanti locali del Popolo della libertà. L’utilizzo delle risorse naturali è stato sempre uno dei primi obiettivi del governo, ha spiegato Viceconte, «a partire dal petrolio, coniugato alla salvaguardia dell’ambiente e della salute dei lucani», che ha portato «all’aumento dei proventi e alla distribuzione della 'card benzinà, con la seconda parte di 140 euro che sarà versata dal 10 gennaio, e la terza che per il prossimo anno è di circa 190 euro»: fino al «memorandum d’intesa che necessitava dei decreti attuativi, che il governo tecnico non ha fatto e che sarà il nostro primo impegno dopo le elezioni». Sulle votazioni, Viceconte ha auspicato «la riconferma dei parlamentari uscenti da parte del coordinamento nazionale, siamo a disposizione di ogni scelta, ma non faremo finte primarie come in altri contesti».   Per quanto riguarda i provvedimenti approvati nel corso degli ultimi anni, Latronico ha evidenziato «il successo del Piano per il Sud che ha portato alla Basilicata notevoli risorse»,  il fondo a disposizione di Invitalia per sostenere progetti di sviluppo per il turismo, le maggiori risorse per la tutela del territorio e i finanziamenti per l’editoria privata, secondo quanto previsto nella legge di stabilità»: senza dimenticare “le battaglie per la salvaguardia delle due Province lucane - ha aggiunto Latronico – e per l’allargamento del patto di stabilità per gli enti locali». Taddei, infine, ha definito “positivo» il saldo tra gli impegni annunciati negli anni «e quanto fatto in questa legislatura». 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?