Salta al contenuto principale

Barozzino critica Speranza
Polemica a sinistra su Fiat e lavoro

Basilicata

Tempo di lettura: 
5 minuti 30 secondi

 

DALLA PAROLA “MORALE” 
hj hjk hj hjk hjk hjk  ghj ghj ghjdk ghdjsk hgjdsk hgdsjk hgsjdk
Barozzino critica Speranza 
Il capolista di Sel contro il capolista del Pd sulle  strategie politiche sulla Fiat e la cassa integrazione
di SALVATORE SANTORO
POTENZA - La Sel reagisce. Lo fa il capolista per il Senato, Giovanni Barozzino  a cui evidentemente non sono piaciute le parole del capolista per la Camera dei deputati, Roberto Speranza del Pd. 
Il tema è la Fiat di San Nicola di Melfi, le posizione di Marchionne, le strategie della casa automobilistica e il regime di cassa integrazione degli operai. 
Un ventaglio di questioni su cui Pd e Sel non si trovano sulla stessa linea almeno dalle dichiarazioni dei due capilista lucani. E non è certo una sorpresa la linea dura di Barozzino che è stato progatonista, come operaio Sata, di una delle pagine più importanti della lotta sindacale in Basilicata degli ultimi anni. 
Ad ogni modo la posizione critica di Giovanni Barozzino non è direttamente contro la Fiat ma contro Speranza. Queste le dichiarazioni: «Non sono condivisibili, quindi, le affermazioni di Roberto Speranza con riferimento alla Fiat di Melfi, perché corrono il rischio di rivelarsi superficiali e lontane dal merito».
E quindi Barozzino per rafforzare il proprio punto di vista cita il segretario nazionale del Partito democratico, Pierluigi Bersani che nei giorni sorsi sulla Fiat aveva detto: “Si può capire che chi mette nuove linee possa proporre della cassa integrazione ma se fossi al governo, davanti a una richiesta così impegnativa, chiamerei Marchionne per capire precisamente che succede in termini di investimenti in quello stabilimento e negli altri. Cerchiamo di rispettarci e non lanciare parole a vuoto perchèè quando parliamo di industria automobilistica in Italia non stiamo parlando di noccioline”. 
E quindi l’esponente della Sel, candidato direttamente da Nichi Vendola prosegue: «Basterebbe rifarsi a queste parole per comprendere il rischio contenuto nelle affermazioni di Speranza. Non è possibile pensare che dagli equilibri, tutti peculiari e specifici, del centrosinistra regionale possano farsi discendere conclusioni avventate e assai rischiose per il futuro del Paese e di migliaia di lavoratori».
Ma cosa aveva detto Speranza di così grave per Barozzino. In buona sostanza il segretario regionale del Pd di Basilicata  nell’apertura della campagna elettorale prima a matera e poi a Potenza aveva detto di apprezzare il piano di rilancio proposto dalla Fiat ma si era detto preoccupato per i due anni di cassa integrazione anche se poi ha ulteriormente aggiunto che si tratterebbe di un prezzo salato da pagare per gli operai e l’indotto ma che potrebbe essere digerito per un futuro migliore. Parola più parola meno. 
Da qui la reazione di Barozzino che anche sulle questioni politiche evidenzia: «La coalizione che si presenta alle prossime elezioni per accettare la difficile sfida del governo in una fase molto delicata qual è quella che vive il nostro Paese in questo difficile momento di crisi dell'economia reale è una coalizione di centrosinistra. Ci sono degli obblighi di lealtà e degli impegni reciproci che i partiti si sono presi dinanzi agli elettori al momento delle primarie e nella campagna elettorale. Proprio per questo, si dovrebbe essere più attenti e rispettosi delle sensibilità dei diversi partiti che compongono la coalizione». 

POTENZA - La Sel reagisce. Lo fa il capolista per il Senato, Giovanni Barozzino  a cui evidentemente non sono piaciute le parole del capolista per la Camera dei deputati, Roberto Speranza del Pd. Il tema è la Fiat di San Nicola di Melfi, le posizione di Marchionne, le strategie della casa automobilistica e il regime di cassa integrazione degli operai. Un ventaglio di questioni su cui Pd e Sel non si trovano sulla stessa linea almeno dalle dichiarazioni dei due capilista lucani. E non è certo una sorpresa la linea dura di Barozzino che è stato progatonista, come operaio Sata, di una delle pagine più importanti della lotta sindacale in Basilicata degli ultimi anni. Ad ogni modo la posizione critica di Giovanni Barozzino non è direttamente contro la Fiat ma contro Speranza. Queste le dichiarazioni: «Non sono condivisibili, quindi, le affermazioni di Roberto Speranza con riferimento alla Fiat di Melfi, perché corrono il rischio di rivelarsi superficiali e lontane dal merito».E quindi Barozzino per rafforzare il proprio punto di vista cita il segretario nazionale del Partito democratico, Pierluigi Bersani che nei giorni sorsi sulla Fiat aveva detto: “Si può capire che chi mette nuove linee possa proporre della cassa integrazione ma se fossi al governo, davanti a una richiesta così impegnativa, chiamerei Marchionne per capire precisamente che succede in termini di investimenti in quello stabilimento e negli altri. Cerchiamo di rispettarci e non lanciare parole a vuoto perchèè quando parliamo di industria automobilistica in Italia non stiamo parlando di noccioline”. E quindi l’esponente della Sel, candidato direttamente da Nichi Vendola prosegue: «Basterebbe rifarsi a queste parole per comprendere il rischio contenuto nelle affermazioni di Speranza. Non è possibile pensare che dagli equilibri, tutti peculiari e specifici, del centrosinistra regionale possano farsi discendere conclusioni avventate e assai rischiose per il futuro del Paese e di migliaia di lavoratori».Ma cosa aveva detto Speranza di così grave per Barozzino. In buona sostanza il segretario regionale del Pd di Basilicata  nell’apertura della campagna elettorale prima a matera e poi a Potenza aveva detto di apprezzare il piano di rilancio proposto dalla Fiat ma si era detto preoccupato per i due anni di cassa integrazione anche se poi ha ulteriormente aggiunto che si tratterebbe di un prezzo salato da pagare per gli operai e l’indotto ma che potrebbe essere digerito per un futuro migliore. Parola più parola meno. Da qui la reazione di Barozzino che anche sulle questioni politiche evidenzia: «La coalizione che si presenta alle prossime elezioni per accettare la difficile sfida del governo in una fase molto delicata qual è quella che vive il nostro Paese in questo difficile momento di crisi dell'economia reale è una coalizione di centrosinistra. Ci sono degli obblighi di lealtà e degli impegni reciproci che i partiti si sono presi dinanzi agli elettori al momento delle primarie e nella campagna elettorale. Proprio per questo, si dovrebbe essere più attenti e rispettosi delle sensibilità dei diversi partiti che compongono la coalizione». 

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?