Salta al contenuto principale

Il Tar repinge il ricorso M5S
contro la lista ritenuta "civetta"

Basilicata

Tempo di lettura: 
1 minuto 27 secondi

POTENZA - Il Tar della Basilicata ha dichiarato “irricevibile” perchè “tardivamente proposto” il ricorso presentato dal Movimento 5 Stelle contro la lista provinciale di Matera “Presidente Franco Grillo - Lavoro e Pensioni - Piazza Pulita” (considerata una “lista civettà' dai legali del M5S per la grafica del simbolo e per il nome del candidato governatore), per le elezioni regionali lucane del 17 e 18 novembre.

La sentenza è stata pubblicata stamani. Il ricorso era stato presentato ieri pomeriggio. Le liste “civetta” presentate alle elezioni erano due, una per la circoscrizione di Potenza e una per Matera. Nel primo caso era stato l’ufficio elettorale a dichiararla inammissibile: i delegati della lista provinciale di Potenza “Presidente Franco Grillo - Lavoro e Pensioni - Piazza Pulita” hanno presentato, sempre ieri, un ricorso al Tar per la riammissione, rigettato dai giudici amministrativi con una diversa sentenza.

Per il ricorso del M5S, invece, i giudici hanno spiegato che i tempi per l’iter sono ormai scaduti. Per i legali del Movimento non c'era stata alcuna affissione all’Albo per l'ammissione della lista “civetta” (che rappresenterebbe il momento di inizio dei termini del ricorso stesso), mentre per il Tar i termini cominciano con “la comunicazione ai rispettivi delegati”. In sintesi, la lista “Presidente Franco Grillo - Lavoro e Pensioni - Piazza Pulita” sarà presente sulle schede della provincia di Matera, ma non su quelle di Potenza, e sarà collegata alla lista regionale “Regionali 2013” con candidato governatore Franco Grillo. Uno dei legali del Movimento 5 Stelle, Arnaldo Lomuti, ha spiegato che “si sta valutando il ricorso al Consiglio di Stato”. (ANSA)

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?