Salta al contenuto principale

Che confini avrà l’alleanza
del centrosinistra alle elezioni?

Basilicata

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 12 secondi

POTENZA - La richiesta della postazione di segreteria dell’ufficio di presidenza avanzata dai Dec (con altre possibili soluzioni per quel posto vacante) è all’ordine del giorno di una riunione di gruppo, convocata per oggi dai democratici.

Il posto lasciato libero dopo le dimissioni del consigliere comunale Emilio Libutti (Udc) è vuoto da diversi mesi. Nonostante il ruolo da ricoprire non sia certo uno dei più ambiti della rappresentanza istituzionale, la maggioranza sta faticando parecchio a trovare una risposta. Sta andando avanti di rinvio in rinvio.

È che l’assegnazione di quel posto ha molto a che fare con il perimetro della maggioranza. Il centrosinistra dovrà meglio specificare il proprio in vista delle prossime amministrative. Praticamente dietro l’angolo.

I Dec - oggi in consiglio comunale con Angelo Laieta e Rocco Summa - hanno chiesto di entrare nell’ufficio di presidenza cittadino in un ruolo che spetta per consuetudine alla maggioranza.

Ai Dec, però, sono attestate almeno altre due postazioni di nomina comunale (un membro del collegio dei revisori dei conti del Comune e uno del collegio dei revisori dei conti dell’Acta) ottenute in quota minoranza. Perché i Dec sono entrati in consiglio come opposizione, dopo aver sostenuto il candidato sindaco Giuseppe Molinari. Da qualche mese, però, il partito che ha nell’ex consigliere regionale Roberto Falotico un punto di riferimento, ha aperto al centrosinistra.

Ecco perché la richiesta avanzata da Laieta e Summa ha fatto storcere il naso in casa opposizione. Né ha lasciato tranquilli parecchi consiglieri di maggioranza. Le sigle minori rivendicano maggiore collegialità (si è candidato a ri-ottenere il posto il socialista Filippo Gesualdi, già in quel ruolo prima di Libutti). E forse maggiore chiarezza.

Lo scenario in cui si muovono le relazioni di alleanza nel centrosinistra è piuttosto confuso. Soprattutto perché c’è da guardare alle comunali di maggio. 

Partiti e sigle del centrosinistra stanno interloquendo alla ricerca di punti fermi nel programma e candidati possibili. Ma è proprio il perimetro delle alleanze ad essere piuttosto incerto. Che cosa faranno i Dec, per esempio, è uno dei quesiti a cui il Pd vuole dare risposta. Anche perché proprio il percorso che Falotico vorrà sostenere al prossimo appuntamento comunale è uno dei punti sul tavolo.

L’assegnazione del posto di segretario nell’ufficio di presidenza di Palazzo di città non sarà certo cartina tornasole, ma forse un piccolo indicatore rispetto al nuovo equilibrio che Pd e alleati raggiungeranno prima di immergersi nella campagna elettorale per Palazzo di Città.

s.lorusso@luedi.it

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?