Salta al contenuto principale

Potenza chiama Roma
I parlamentari convocati da Pittella

Basilicata

Tempo di lettura: 
2 minuti 41 secondi

POTENZA - Pittella convoca i deputati e i senatori per la linea comune a difesa della Basilicata dagli “scippi” nazionali. Lunedì prossimo quindi, sarà una giornata di straordinari alla Regione. Prima ci sarà la riunione del Consiglio regionale. L’esordio per questa legislatura appena iniziata. Poi ci sarà l’incontro tra il nei presidente Marcello Pittella e tutti i parlamentari lucani che sono stati appunto convocati dal governatore.

Ufficialmente si tratta di un incontro di cortesia: Pittella intende presentare ai lucani eletti in Parlamento la nuova giunta e tutti e quattro i nuovi assessori.

Ma è evidente che si parlerà anche di altro. Dopo gli inviti alla mobilitazione e a mettere in campo tutte le energie lanciati da Pittella agli stessi parlamentari avvenuti il giorno dopo i due tentativi   del governo nazionale di tagliare risorse destinate alla Basilicata (prima i 70 milioni in 7 anni del Bonus benzina da destinare alla metanizzazione del Cilento e poi i 68 milioni di euro dello schema idrico Basento - Bradano per finanziare l’Expo di Milano) l’incontro di lunedì diventa il primo faccia a faccia.

Alla riunione voluta dal presidente della Regione dovrebbero esserci tutti i parlamentari della Basilicata. Da quelli del Pd e cioè, Roberto Speranza, Vincenzo Folino, Salvatore Margiotta, Filippo Bubbico e Maria Antezza agli altri: Guido Viceconte del Nuovo Centro Destra, Cosimo Latronico di Forza Italia, Tito Di Maggio di Scelta Civica più i due del Movimento Cinque stelle, Vito Petrocelli e Mirella Liuzzi e i due della Sel, Antonio Placido e Giovanni Barozzino. In realtà l’invito è stato esteso anche a Emma Fattorini, che lucana non è ma che è stata eletta come capolista del Pd al Senato.

Questo tipo di incontro non è un inedito. Anche De Filippo li aveva promossi. Ma quello di lunedì assume un importanza diversa. C’è da discutere delle strategie da mettere in campo per portare i massimi vantaggi alla Basilicata (a partire dal tema petrolio) con l’azione sinergica dei due livelli istituzionali: regionale e parlamentare. Ma c’è anche da verificare in quale clima. All’ultimo invito lanciato sul web da Marcello Pittella il 2 gennaio c’è stata la reazione un pò “infastidita” di Vincenzo Folino e Maria Antezza. E se la senatrice dovesse essere presente sarebbe anche il primo incontro istituzionale con il neo governatore dopo lo “strappo” dell’esclusione dalla giunta di Luca Braia.

Insomma l’incontro alla Regione promette di essere uno snodo anche per gli equilibri politici. Ovviamente non è una questione solo interna al Pd. Ci saranno anche gli altri. A partire da Viceconte che fu uno degli ideatori del Memorandum del petrolio insieme a De Filippo per proseguire con Latronico che è stato il parlamentare che si è accorto per primo dei tentativi del governo nazionale di tagliare fondi alla Basilicata. E proprio per restare al deputato forzista, oggi dovrebbe presentare l’emendamento in Commissione bilancio alla Camera per l’eliminazione del provvedimento che sposta i fondi lucani all’Expo di Milano.

s.santoro@luedi.it

 

 

 

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?