Salta al contenuto principale

Ufficiale: Cannizzaro corre per il centrodestra
ma non con Fratelli d’Italia

Basilicata

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
3 minuti 17 secondi

POTENZA - Mancano solo gli ultimi dettagli. E probabilmente le conferenze e i comunicati ufficiali. Ma la partita è praticamente chiusa. Cannizzaro è in corsa per la poltrona di sindaco della città capoluogo. Ha rotto lui stesso le ultime remore.

L’ex Direttore generale del San Carlo il 25 maggio si giocherà la propria partita per guidare l’amministrazione comunale del capoluogo di regione. Ora la patata bollente passa a quelli che hanno dichiarato “amore” e sostegno all’ingegnere Dario De Luca. Su tutti Fratelli d’Italia di Gianni Rosa.

Per semplificare: con Cannizzaro stanno quelli di Forza Italia guidati dal deputato Cosimo Latronico e dall’ex consigliere regionale Nicola Pagliuca e dall’attuale capogruppo forzista alla Regione Michele Napoli. Non solo. Avrebbero già firmato il documento politico anche l’Udc con gli ex assessori regionali Agatino Mancusi e Franco Mollica e quelli del cartello delle “Destre unite” il cui referente è Luigi Modrone di La Destra di Storace. Della squadra ufficialmente fa parte anche il Mir di Samorì.

Dall’altro lato ci sono i Fratelli d’Italia. Loro stanno con Dario De Luca e basta. A tal proposito sono chiarissime le dichiarazioni del dirigente regionale di FdI - An, Donato Ramunno: «Per alcuni partiti di centrodestra la giustificazione per non fare le primarie è di tipo organizzativo. Voglio ricordare che basta una scatola di cartone, qualche locale disponibile (uno è la sede di Fratelli d'Italia) e una decina di volontari. Niente è impossible all'uomo di ciò che è nelle sue possibilità. Figuriamoci stare insieme una bella domenica di aprile».

E in mezzo c’è ancora chi non ha deciso. Su tutti, il Nuovo centrodestra del senatore Guido Viceconte e del neo coordinatore lucano, Vincenzo Taddei e i Popolari per l’Italia del senatore Tito Di Maggio e del consigliere regionale Aurelio Pace. Saranno ore febbrili, le prossime. La sensazione è che alla fine ci saranno due squadre diverse entrambe del centrodestra potentino. Difficile a questo punto che FdI e De Luca (che nella giornata di ieri hanno continuato a lavorare alla composizione delle liste elettorali) possano fare dietrofront dopo essersi spinti così avanti.

E non sarà semplice decidere in un senso o nell’altro nemmeno per Pace e Taddei che stanno guidando le trattative a livello locale per i loro rispettivi partiti.

Chi mostra invece di avere le idee chiarissime è Cannizzaro, che ha rotto gli indugi prendendo di fatto in anticipo tutti gli altri che ancora si attardavano sulla questione delle primarie sì o primarie no. Ora la scelta è politica.

Ha le idee chiarissime anche il deputato Cosimo Latronico che contattato al telefono non ha lesinato dichiarazioni ufficiali: «La notizia di giornata è che Michele Cannizzaro ha deciso di andare fino in fondo. Non si torna più indietro».

Latronico ha quindi aggiunto: «La sua è una candidatura di prestigio. Ed essendo esterna ai partiti a una figura come Cannizzaro non poteva essere chiesto di andare alle Primarie».

Detto questo il deputato forzista Latronico ha spiegato: «Noi stiamo con lui. Ora l’auspicio e che anche le altre forze del centrodestra lo seguino e lo sostengano per vincere le elezioni comunali. Le forze alternative al centrosinistra hanno una occasione difficilmente ripetibile». E per concludere ha dichiarato ancora: «Chi lavora per la polverizzazione deve sapere che non fa altro che aiutare e favorire la conservazione».

Insomma per quanto riguarda la candidatura a sindaco di Cannizzaro il dado è tratto. E addirittura lunedì mattina il tutto vdovrebbe essere spiegato nei dettagli anche in una conferenza stampa. Diversa la questione per gli altri. Che al netto delle strategie e delle dichiarazioni di merito ancora ragionavano. Ma con l’accelerazione imposta da Cannizaro, ora tutto dovrebbe diventare più veloce.

sal.san.

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?