Salta al contenuto principale

"Il bonus carburante? Soldi non sicuri"
Pittella ribadisce il no alla distribuzione

Basilicata

Tempo di lettura: 
2 minuti 15 secondi

«Autorevoli esponenti del Nuovo Centro Destra continuano ad alimentare in queste ore l'illusione che i patentati lucani incasseranno a breve 800 euro pro-capite, col risultato di incrementare di alcune migliaia di euro il reddito delle rispettive famiglie, posto che in ognuna di essa, secondo ottimistiche previsioni, vi sarebbero almeno quattro possessori di un permesso di guida.»

Ecco perché il presidente della Regione, Marcello Pittella, ha deciso di intervenire e spiegare, con una lettera aperta, quello che potrebbe accadere a proposito del bonus carburante. 

«Magari fosse così. Magari fosse davvero possibile ripartire tra i soli lucani il tesoretto accumulatosi dal 2011 in poi nel fondo unico nazionale, gestito presso il Ministero dello Sviluppo Economico, per il cosiddetto bonus carburanti. E magari tutti i lucani fossero davvero in possesso di una patente, quando è ben noto che essa è preclusa proprio alle fasce più deboli della società, a partire dai disabili e dagli anziani.»

«Io credo - scrive - che ormai vi sia la generale consapevolezza che quel tesoretto sia di fatto ipotecato da almeno altre due regioni italiane (Veneto e Liguria) per effetto di una legge che il Governo dell’epoca non fu in grado di difendere da quella che si è rivelata, alla prova dei fatti, come una vera e propria azione politica di "rapina" messa a segno da settori leghisti del Nord.»

«Ai lucani va detto che il tesoretto di 230 milioni di euro che, con l'accredito dei fondi 2013, sarà disponibile a partire dal primo luglio prossimo, oggi è fortemente a rischio e può (anzi, io dico: deve) essere difeso in sede parlamentare attraverso la modifica dell'articolo 45 della 99/2009. Una modifica che, per quanto mi riguarda, caldeggerò a voce altissima in occasione del prossimo incontro con il ministro dello Sviluppo Economico, Federica Guidi, rimarcando non solo l’opportunità, ma l’assoluta necessità di destinare le risorse della card carburanti a quanti oggi non hanno nemmeno i soldi per mangiare e non a chi, potendoselo permettere, può benissimo rinunciare ad un pieno di benzina.» 

La conclusione: «Quei 230 milioni, tanto più se riusciremo a sottrarli, come io auspico, dalle forche caudine del patto di stabilità, andranno utilizzati per operazioni di inclusione sociale, per finanziare gli ammortizzatori in deroga, per creare posti di lavoro e per risarcire, almeno in parte, gli alluvionati del Metapontino e le famiglie che a Montescaglioso hanno pagato un prezzo altissimo, con la perdita di vite umane, sull’altare delle ultime calamità atmosferiche. Sono certo che su questa linea riuscirò a ricompattare la stragrande maggioranza dei lucani. O almeno, ci proverò.»

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?