Salta al contenuto principale

"E' De Luca il migliore di tutti"
Meloni incorona il candidato sindaco

Basilicata

Tempo di lettura: 
3 minuti 5 secondi

POTENZA - «A me ha colpito molto il fatto che lui stasera abbia voluto partire raccontandoci la propria storia personale. E mi è piaciuta la sua storia. Perchè nella sua vita è stato vigile del fuoco e ingegnere. Quindi è una persona abituata a difendere e una persona abituata a costruire. Ecco, noi abbiamo bisogno di persone che vogliano difendere la loro terra e costruire per la loro terra un futuro migliore». Così Giorgia Meloni ieri sera al Teatro Don Bosco di Potenza per il candidato sindaco sostenuto da Fratelli d’Italia - An e Popolari per l’Italia, Dario De Luca.

Alla kermesse organizzata ieri sera da Gianni Rosa e compagnia tantissimi i partecipanti. Una scena abbastanza rara per il centrodestra. E anche l’entusiasmo era alla stelle.

Ma non c’era solo Meloni per il big. Alla manifestazione ha partecipato anche l’ex sindaco di Roma, Gianni Meloni che è candidato nel Meridione per il Parlamento europeo. E tra gli invitati anche l’altro eurocandidato di FdI - An, Antonio Iannone. Ma il teatro, al netto dei leader, era pieno dell’entusiasmo dei candidati consiglieri. Ma la scena è stata tutta per loro: per Giorgia Meloni e per l’aspirante sindaco De Luca. Prima di loro però sono stati numerosi gli interventi tra cui quelli degli stessi Alemanno e Iannone e poi di Gianfranco Blasi, Pasquale Pepe, Donato Ramunno, Marina Buoncristiano, Aurelio Pace e naturalmente del consigliere regionale Gianni Rosa che come suo stile non le ha mandate a dire. I bersagli di Rosa sono stati i candidati sindaci avversari Luigi Petrone, Roberto Falotico e Michele Cannizzaro.

Ma la giornata dei Fratelli d’Italia di Potenza è stata caratterizzata anche dal Flash mob organizzato dai giovani (proprio ieri la Meloni a livello nazionale ha fondato la componente giovanile del partito “Gioventù nazionale”) davanti al portone del palazzo della Regione. Manifestazione a cui ha partecipato anche la stessa Meloni e gli altri dirigenti di Fdi - An di Basilicata.

Il flash mob di provocazione ha visto la partecipazione di tantissimi giovani “fratelli” che hanno anche posato davanti alla Regione una corona di fiore “a memoria” del merito. In pratica è stata una manifestazione di denuncia contro il centrosinistra che governa la regionale. Per i giovani di Fdi è stato un modo per sollevare, a loro modo di vedere, le quattro questioni che «attanagliano la Basilicata». Il tema del merito contro il clientelismo. La questione petrolio, il diritto all’orgoglio e all’identità e la crisi occupazionale.

Poi tutti al Don Bosco dove De Luca prima ha spiegato le ragioni della propria candidatura, «sono venuti tanti giovani a chiedermi di scendere in campo. Io non ero sicuro. Ma quando mi hanno detto che se non avessi accettato loro si sarebbero arresi ho deciso di accettare», e poi ha spiegato in breve quello che intende fare per Potenza. Ma non è stata la solita lista dei desideri. De Luca, più da “filosofo” che da politica ha assicurato: «La bellezza salverà Potenza». Parlando della necessità di rendere il capoluogo «di nuovo una città bella».

Giorgia Meloni, invece, ha assicurato: «E’ lui il miglior candidato possibile. Lo sa anche chi ha deciso di non sostenerlo per questioni che non hanno nulla a che vedere con il merito e la democrazia».

La leader nazionale e capolista per FdI alle europee, ha quindi criticato Forza Italia per la scelta «di non voler fare le primarie».

s.santoro@luedi.it

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?