Salta al contenuto principale

Conferenza di Pittella
per spiegare chi ha vinto

Basilicata

Tempo di lettura: 
1 minuto 32 secondi

POTENZA - Inutile tentare di affannarsi a capire se la Basilicata ha perso o ha vinto (o magari pareggiato) contro il governo sul fronte caldo del perolio.

Stamattina il presidente della giunta regionale, Marcello Pittella ha convocato una conferenza stampa proprio per affronterà tutti i temi legati al decreto “Sblocca Italia”. E quindi spiegherà nei dettagli quello che comporta lo “Sblocca Italia” in materia energetica per la Basilicata. E soprattutto il governatore potrà chiarire anche quelle che erano le richieste iniziali della Regione.

 Ovviamente ci sarà spazio, è immaginabile, anche per tutta la vicenda legata all’impugnativa del Consiglio dei ministri contro la legge regionale approvata a maggioranza dal Consiglio regionale lo scorso 27 giugno (e pubblicata sul Bur l’11 luglio) che sbloccava a favore dell’ente le roylaties del petrolio fuori dal Patto di stabilità.

Il governo a 48 ore dalla firma del Presidente della Repubblica sullo Sblocca Italia ha detto no e ha fatto ricorso alla Corte Costituzionale. Una situazione poco piacevole su cui però c’è stato il silenzio quasi totale di tutta la politica lucana. Non è la prima volta che una legge regionale viene impugnata dal governo. E’ di certo la prima volta che si registrano così poche reazioni. Tanto più che quella legge regionale era stata molto discussa in sede di presentazione.

Ma evidentemente (si spera) anche la politica lucana vuol capirci chiaro aspettando prima la firma sullo “Sblocca Italia”.

Solo lo stesso Marcello Pittella su twitter ha commentato sul ricorso del Cdm: «Messo in conto. Ci difenderemo nelle sedi opportune. Ma senza questa “provocazione” non parleremmo di #SbloccaItalia».

Dagli altri nulla. Nemmeno da chi quella legge non l’aveva votata (M5S, Fdi e Sel).

sal.san.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?