Salta al contenuto principale

Il governatore non nasconde l’irritazione
contro Folino e Bubbico

Basilicata

Tempo di lettura: 
3 minuti 19 secondi

POTENZA - Altro che tregua post - congressuale. Nel Pd la febbre è sempre altissima. Se ci fossero stati dubbi in proposito possono essere tranquillamente accantonati. Lo si è compreso chiaramente nella conferenza di Pittella ieri alla Regione. E il presidente della giunta non ha fatto nulla per “nasconderlo”. Non ha mai nominato il viceministro Filippo Bubbico del suo stesso partito ma è chiaro che tra i due non c’è mai stato tanto attrito. Bubbico in qualche maniera è stato il convitato di pietra della conferenza di ieri mattina. Pittella si è lamentato a più riprese di interventi fuori luogo. Il riferimento era chiaramente all’incontro - scontro   che i due hanno avuto in occasione della Festa della Cgil a Potenza la settimana scorsa. E non è stato certo un caso che nelle “slide” Pittella abbia inserito il decreto Zanonato del 2013 come limite da superare definendolo insufficiente. Nulla di strano se non fosse che Filippo Bubbico in Basilicata venne appunto con Zanonato.

Ma non solo. Nei ringraziamenti finali Marcello Pittella ha citato i parlamentari del Pd, Roberto Speranza, Salvatore Margiotta, Maria Antezza e anche Vito De Filippo. Ringraziamenti pure per il senatore dell’Ncd, Guido Viceconte ma nessuna parola per Filippo Bubbico e Vincenzo Folino. Non è stata una dimenticanza. Pittella ha ringraziato coloro che lo hanno chiamato in questi giorni e che hanno lavorato per favorire modifiche nel decreto. Evidentemente con Folino e Bubbico non c’è stato nemmeno un sms. Se non è guerra poco ci manca.

Diventa cruciale l’incontro previsto  per lunedì: il presidente insieme al segretario democratico Antonio Luongo hanno convocato una riunione di tutti i big del partito nel palazzo della Regione. Ci sarà il primo faccia a faccia. Si preannuncia burrasca.

E per aggiungere “sale” c’è anche da dire  che sullo Sblocca Italia è intervenuto per la pattuglia parlamentare Pd solo il senatore Salvatore Margiotta che ha subito entatizzato: «Il metodo Pittella ha dato i primi frutti». Margiotta quindi ha aggiunto: «Ho apprezzato molto toni e contenuti della conferenza stampa del Presidente Marcello Pittella e, perché no, anche l'efficacia della comunicazione supportata da slide. In questi giorni grazie soprattutto al suo impegno ed alla sua energia sono state ottenute significative modifiche al testo iniziale del decreto sbloccaitalia, in materia di estrazione di idrocarburi in Basilicata, sia nella parte relativa alle royalty ed al patto di stabilità, sia nella parte relativa alle procedure autorizzative, che prevedono ora l'intesa con la Regione Basilicata». E sempre Margiotta ha concluso: «Ha ragione quando dice che siamo solo al primo tempo: proveremo durante l'iter di conversione parlamentare del decreto ad introdurre ulteriori emendamenti migliorativi, su cui autorevoli esponenti di Governo in questi giorni si sono dimostrati sensibili. Successivamente, applicazione del memorandum e legge di stabilità saranno altri appuntamenti decisivi. L'obiettivo  è quello di continuare a contribuire alla politica energetica nazionale, avendo però come stelle polari indiscutibili ed indiscusse la tutela dell'ambiente e della salute dei lucani, ed un utilizzo migliore e più dinamico dei benefici economici che ne derivano, soprattutto finalizzato a produrre sviluppo ed occupazione: il metodo scelto da Marcello Pittella, di interlocuzione forte e responsabile con il Governo nazionale e di intesa istituzionale, ha dato i primi frutti, e sono certo che continuerà a darne».

A sostegno di Pittella poi anche il consigliere regionale del Pd, Mario Polese: «1 a 0 per noi! Il primo match va al presidente Pittella e a tutti noi che otteniamo gran parte di quanto richiesto,tanto sul piano finanziario quanto su quello ambientale. Mai nessuno negli ultimi 20 anni era riuscito ad arrivare a tanto nei confronti delle compagnie petrolifere e dello Stato».

Insomma si rischia la guerra tra bande nel Pd. Nessuna novità rispetto a quello che è il Partito democratico di Basilicata da oltre un anno.

sal.san.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?