Salta al contenuto principale

De Luca chiede scusa per i toni
«Non sono politico, solo sindaco»

Basilicata

Tempo di lettura: 
0 minuti 56 secondi

POTENZA - Mette in premessa le scuse. Al consiglio in generale, al consigliere Gianpaolo Carretta (Pd) in particolare. I toni usati, spiega, non gli appartengono. Non avrebbe voluto ferire nessuno, ma «riconosco come la stanchezza di una giornata di lavoro e alcune sottolineature e atteggiamenti mi hanno coinvolto emotivamente».
Dario De Luca lunedì sera è stato durissimo in consiglio comunale durante la replica sulla riprogrammazione dei fondi di sviluppo e coesione. Nella sue parole una cesura di metodo con il passato: «Non faremo favori agli amici degli amici». Così severo da costringere alla reazione un pezzo del Pd, quello più vicino alla scorsa amministrazione Santarsiero. Il voto di astensione di alcuni consiglieri ha restituito l’immagine di un Pd spaccato e di una nuova maggioranza trasversale nata in aula.
«Non sono un politico di professione - scrive De Luca in una lettera aperta - Sono il sindaco di una città che ho nel cuore e che sta vivendo un momento molto difficile e per il bene della quale profondo il massimo impegno».

(L'articolo completo sull'edizione cartacea in edicola)

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?