Salta al contenuto principale

Prosegue la “corrispondenza” sullo Sblocca Italia
Anche Barozzino scrive a Pittella

Basilicata

Tempo di lettura: 
1 minuto 4 secondi

UN’ALTRA lettera per Marcello Pittella. Scrivere al governatore lucano - da quando è iniziata la querelle sul petrolio e lo Sblocca Italia con il caso dell’impugnativa o no all’articolo 38 del decreto approvato dal governo Renzi - è diventato in pratica quasi uno “sport” regionale.
Questa volta tocca al senatore lucano di Sinistra ecologia e libertà, Giovanni Barozzino che parte subito all’attacco: «Non posso continuare ad assistere allo scempio che si vuole fare del nostro territorio. Mi riferisco a quanto contenuto in quel drammatico decreto che oramai tutti hanno imparato a conoscere come Sblocca Italia e che allude, oltre che a un arrogante scippo delle competenze istituzionali, a una “petrolizzazione” senza fine dell’intera Basilicata. Soprattutto sono mosso a scriverle perché non è accettabile la sordità con cui il governo Renzi - e poi lei – tratta il dissenso sempre più profondo che emerge dal corpo vivo delle lucane e dei lucani… mi sarei aspettato che lei, in quella rivoluzione così tante volte annunciata, avesse a cuore almeno la voce preoccupata e a volte disperata di quei giovani che hanno assediato il palazzo in cui lei è rimasto asserragliato».

(L'articolo completo sull'edizione cartacea in edicola)

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?