Salta al contenuto principale

Petrolio, si allarga il fronte della protesta
Da Rionero appello a Renzi perché venga in Basilicata

Basilicata

Tempo di lettura: 
1 minuto 6 secondi

IL FUTURO C’E’ e ieri è passato da Rionero. Lo hanno voluto ribadire a chiare lettere ieri: l’articolo 38 va impugnato. E come era successo a Potenza e in altri paesi (tra cui anche Melfi), i ragazzi di tutte le scuole della città di Giustino Fortunato, sono scesi in strada «per farsi sentire» e per gridare con forza la loro contrarietà all’articolo 38 dello Sblocca Italia. Si sono incontrati di buon mattino nei pressi del piazzale della stazione. Il tempo di organizzare il corteo e poi “armati” di striscioni e slogan, hanno attraversato alcune vie della città. Una manifestazione colorita ma dalla profonda consapevolezza che l’articolo 38 danneggia sotto tanti punti di vista, l’ambiente lucano. Alla fine del corteo oltre ai rappresentanti sindacali, ha preso la parola anche il sindaco di Rionero, Antonio Placido. Erano presenti oltre al collega Giovanni Barozzino, anche l’ex assessore provinciale Paolo Pesacane che nei giorni scorsi è stato chiamato a parlare nelle assemblee di istituto che si sono tenute in vista proprio della manifestazione. Nella serata di ieri sera la “Rete degli studenti medi” molto attivi sul fronte del petrolio, attraverso una nota hanno invitato il premier Renzi in Basilicata.

(L'articolo completo sull'edizione acquistabile online e in edicola)

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?