Salta al contenuto principale

Dalla protesta politica all’odio
Il clima ha superato il livello di un civile confronto

Basilicata

Tempo di lettura: 
0 minuti 59 secondi

ERA inevitabile. Ed è un atto che non va sottovalutato. La bottiglia incendiaria lanciata contro la sede di un partito in Basilicata segna una pericolosa escalation di violenza. Mai, a memoria, si ricorda un episodio simile. E’ un qualcosa che va ben al di là delle questioni politiche.
E non va più bene. E non basta poi esprimere solidarietà. O dirsi dispiaciuti. Quello che sta accadendo in Basilicata merita una riflessione da parte di tutti. Nessuno escluso.
Ma non tanto per quello che è avvenuto venerdì sera a Montescaglioso. Ma piuttosto per quello che poteva essere. E per dirla tutta, per quello che può accadere.
Basta. Bisogna che chiunque rivesta delle cariche, e chiunque dichiari di voler bene alla Basilicata deve fermarsi un attimo. Continuare ad attaccare e continuare a litigare forse è la cosa più semplice. Ma sarebbe sbagliato. Oggi come non mai. La questione petrolio è questione importante. Le posizioni, qualsiasi esse siano, vanno difese. Il dibattito e anche (forse soprattutto) le proteste di piazza quando non sfociano in violenza sono necessarie per la democrazia.

s.santoro@luedi.it

(L'articolo completo sull'edizione acquistabile online e in edicola)

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?