Salta al contenuto principale

«Il tema non è un assessore»
Lacorazza affronta il caso Potenza

Basilicata

Tempo di lettura: 
1 minuto 14 secondi

POTENZA - «Per favore, non si facciano pasticci», dice Piero Lacorazza. Perché «se qualcuno pensa che il tema sia quello di qualche assessore mi sento di dire: fermiamoci, siamo ancora in tempo». La questione Potenza, insomma, è molto più complessa. E il presidente del consiglio regionale prova a parlarne su Facebook perché, aggiunge, «i luoghi del confronto e della discussione sono sempre più rari». Il che è anche un modo per mandare a dire al Pd, al suo partito, che il congresso cittadino di Potenza non può essere più un appuntamento vago, da fissare e rinviare, fissare e rimandare.
Sul tavolo il punto principale resta quello del governo di larghe intese a cui il sindaco Dario De Luca ha richiamato tutti i gruppi consiliari. Oggi, nel giro di consultazioni avviato dal primo cittadino, sarà proprio il turno del centrosinistra. Dopo una pausa chiesta per provare a trovare una sintesi di coalizione, i capigruppo dello schieramento che riunisce le sigle a sostegmo dei due ex candidati sindaci Roberto Falotico e Luigi Petrone, saranno a Palazzo di città per presentare una linea e ascoltare il sindaco De Luca. Sicuramente il centrosinistra - maggioranza in consiglio, con un governo sostenuto invece dal centrodestra - metterà a base della trattativa alcune tematiche urbane (dai rifiuti al sociale), su cui costruire un programma condiviso.

s.lorusso@luedi.it

(L'articolo completo sull'edizione acquistabile online e in edicola)

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?