Salta al contenuto principale

Dopo le feste, deadline per l’intesa
De Luca pronto a lasciare senza la governabilità

Basilicata

Tempo di lettura: 
0 minuti 52 secondi

POTENZA - La sensazione è che la vita a Palazzo di città scorra su due binari. Il primo, quotidiano e complicato, ha a che vedere con le cifre del conto economico. Il dissesto finanziario, approvato alcune settimane fa, non consente agilità di spesa e rende difficile la programmazione su ogni settore della vita cittadina.
Il secondo binario, altrettanto complicato, è quello politico: incontri, riunioni e comunicati raccontano di un clima ingarbugliato, di qualche tensione e di una strada sempre in salita rispetto alla possibilità di costruire un governo di larghe intese. Il sindaco Dario De Luca ha chiesto a tutte le forze politiche presenti in consiglio comunale di provare a costruire «un governo di rinascita cittadina». Impresa su cui, in linea di principio, si dicono tutti d’accordo. Più difficile concretizzare l’intesa e dare un contorno istituzionale alla collaborazione. Rimpasto? Giunta di esterni? Giunta politica? Pochi punti di intervento o un programma bipartisan?

s.lorusso@luedi.it

(L'articolo completo sull'edizione acquistabile online e in edicola)

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?