Salta al contenuto principale

Ad horas i nuovi vertici delle aziende sanitarie
Cugno e Maglietta “al sicuro”

Basilicata

Tempo di lettura: 
2 minuti 8 secondi

POTENZA - Nomine sanitarie in arrivo. «Entro 48 ore chiudiamo». Lo dice Marcello Pittella a margine dei lavori del Consiglio regionale di ieri. Il presidente della Regione ovviamente si tiene abbottonato sui nomi e sulle postazione. Ma fa capire che sulle nomine per la Sanità sarebbe tutto pronto per la chiusura. Ma solo dopo aver chiuso con l’approvazione della Finanziaria.
Insomma da un minuto dopo aver chiuso il Consiglio regionale, ogni momento potrebbe essere quello per l’ufficializzazione delle nomine dei nuovi direttori generali del san Carlo, dell’Asp, dell’Asm e del Crob.
Ieri però, Pittella non sapeva ancora che il Consiglio avrebbe rinviato per l’ennesima volta il dibattito sulla Finanziaria. Difficilmente si chiuderà il discorso Bilancio prima di sabato sera. Pertanto non saranno 48 ore. Un pò di più. Domenica o più probabilmente lunedì quindi, ma la giunta comunicherà i nomi dei nuovi dirigenti massimi delle quattro entro pochi giorni.
Sui nomi però rimane strettissimo riserbo. Rimangono però le certezze giù anticipate nei giorni scorsi. Rocco Maglietta, attuale commissario del San Carlo otterrà la nomina da Direttore generale. Non è ancora ufficiale ma è come se lo fosse.
Poi c’è Giuseppe Cugno. Anche per lui rimangono pochi dubbi ma sarà nominato Direttore generale. Dove? Ancora qualche incertezza. Il suo nome, a seconda degli interlocutori, viene associato di volta in volta all’Azienda sanitaria di Potenza e al Irccs Crob di Rionero. Per le questioni politiche: Maglietta è in quota Pittella. Su Cugno invece ci sarebbe una sorta di “consorzio” di sponsor politici. Viene attribuito a Speranza ma Cugno è vicinissimo anche a Lacorazza, Folino e Bubbico oltre a vantare ottimi rapporti con lo stesso Pittella.
Rimangono ancora avvolti nel mistero gli altri due nomi in ballo. Si parla di una donna magari per la Direzione dell’Azienda sanitaria di Matera. Ma si fanno anche altre ipotesi. L’altro Direttore generale invece dovrebbe essere un uomo magari nuovo agli ambienti della Sanità. Non dovrebbe comunque essere un esterno alla Basilicata. In tutto questo non dovrebbero esserci riconferme per i due Dg (Marra e Amendola) il cui mandato è scaduto già da un paio di giorni. Ovviamente per le certezze c’è da attendere ancora qualche giorno.
In tutto questo c’è da aggiungere che le domande in totale (quelle i cui requisiti sono stati ritenuti idonei) sono circa 120.

sal.san.
s.santoro@luedi.it

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?