Salta al contenuto principale

Modrone, un leghista per la Basilicata
Domani si presenta “Noi con Salvini”

Basilicata

Tempo di lettura: 
2 minuti 38 secondi

POTENZA - Se gli chiedi di spiegare perché un meridionale, uomo della destra come lui, abbia scelto di aderire al movimento di Salvini, lo motiva così: «Al momento è l’unico leader italiano che difende i valori del Paese. Provo indignazione davanti a una nazione che si preoccupa di sostenere una spesa sociale per gli immigrati, quando poi si lascia che il vicino di casa sia costretto a frugare nel cassonetto dell’immondizia». Che dire, poi, «dei casi sempre più frequenti anche in regione dei suicidi dei cittadini tartassati dalle tasse». Non è una realtà così lontana da quella che da tempo viviamo anche in Basilicata: pensiero di Luigi Modrone, ex vicario provinciale del Pdl di Potenza, poi segretario della Destra di Storace, referente locale del movimento “noi con Salvini” che il segretario della Lega Nord sta cercando di costruire al Sud. Sono due le regioni del Mezzogiorno che fino a ora mancavano all’appello del progetto di cui si occupa in prima persona il senatore Volpi: Molise e Basilicata, appunto. Ancora non per molto, però. La prima presentazione a Potenza ci sarà domani, con banchetto e volantinaggio a piazza Prefettura. Un appuntamento che servirà anche a raccogliere le adesioni per la manifestazione del 28 febbraio a Roma contro il Governo Renzi. E poi, a metà marzo, dovrebbe arrivare Salvini in persona, accompagnato dal senatore Volpi. Non solo tematiche nazionali, spiega Modrone. La visita dell’eurodeputato leader della Lega servirà anche a chiarire la posizione in merito a questioni specificamente locali. A partire dal petrolio.
«Il partito ufficialmente ancora non c’è, ma è solo una questione di tempo», ci tiene a precisare Modrone che spiega anche di non aver avuto nessun incarico ufficiale, ma di essere il referente sul territorio. L’ex segretario della Destra di Storace preferisce non scoprire tutte le carte, ma assicura: «Stimiamo che il partito, già nella sua fase costitutiva, possa avere un consenso che si aggira tra il 6 e il 7 per cento». Sui nomi non si spinge oltre, ma secondo autorevoli indiscrezioni starebbero guardando con interesse a “Noi con Salvini”, il movimento “Matera di muove”, la cui lista civica, alle ultime regionali, ha raggiunto il 6,4 per cento nella città dei Sassi. A Potenza, invece, tra i possibili sostenitori del partito in via di costituzione ci sarebbero movimenti come il Sentiero di Pio Belmonte, che alle ultime amministrative è stato il promotore della civica a sostegno del sindaco Dario De Luca.
Modrone non conferma e non smentisce. E alla domanda se si stia pensando di scendere in campo già per le amministrative di Matera, risponde: «Il bello di questo partito è che non si corre per competere a tutti i costi. E’ ancora troppo presto per dirlo, ma non è detto che le prossime comunali siano per noi il primo banco di prova. Dipenderà da molti fattori. Per quanto riguarda me, ho sempre rifiutato candidature. Ho sempre preferito avere ruoli politici, di organizzazione».

m.labanca@luedi.it

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?