Salta al contenuto principale

L'addio a Raffaele Dinardo
Le reazioni e il ricordo della politica lucana

Basilicata

Tempo di lettura: 
3 minuti 37 secondi

«Apprendo con dolore la notizia della scomparsa di Raffaele Dinardo ed esprimo profondo cordoglio e vicinanza ai familiari in questo difficile momento. La sua onestà, il suo impegno nelle istituzioni e il suo rigore sono oggi dei punti di riferimento per chi crede nella buona politica e per tutti quei giovani che non smettono di riporre in essa speranza e fiducia. Così il presidente dei deputati Pd, Roberto Speranza, ricorda Raffaele Dinardo. «Chi come me ha avuto l'onore di incontrarlo spesso e di collaborare con lui nella esperienza della segreteria del Pd non dimenticherà mai la sua vicinanza, la sua capacità di ascoltare, di capire, di comprendere e di visione del bene comune. Oggi la politica perde un grande uomo e la Basilicata uno dei suoi punti di riferimento».

«Al presidente Raffaele Dinardo debbo una sentita testimonianza di stima e di affetto, nel giorno del suo ritorno alla casa del Padre - dichiara Cosimo Latronico (FI) - Uomo mite e colto, capace di valorizzare e di non perdere mai il filo di un dialogo costruttivo. La nostra amicizia e' nata nei banchi del Consiglio Regionale della Basilicata mentre svolgevo l'opera di opposizione e lui quella di Presidente della Regione. Conservo una sua lettera scritta nel giugno del 1997 nel giorno della nascita di uno dei miei figli per documentare il tratto di una umanità attenta alle persone oltre i ruoli ed compiti transitori. Un dialogo che poi è proseguito sul filo di una stima reciproca ed incondizionata. La Basilicata lo deve ricordare per la sua dedizione e la sua testimonianza di affetto per la nostra terra e per il destino dell’intera comunità».

«Con la scomparsa di Angelo Raffaele Dinardo la Basilicata perde un punto di riferimento morale e politico. Raffaele fu protagonista di una stagione di crescita e di sviluppo economico e civile della nostra Regione. Alla sua azione di governo sono legate scelte che hanno segnato positivamente la storia della Basilicata. Ha sempre difeso con serenità e con fermezza gli interessi dei lucani - scrive il viceministro Filippo Bubbico -  Lo ricorderò come un carissimo amico, con il quale ho condiviso una esperienza politica e umana importantissima. Era un vero signore, testimone orgoglioso della Basilicata e portatore dei valori di giustizia e di solidarietà, di quel senso di comunità che con la sua azione di governo ha contribuito certamente a rafforzare. Ai suoi familiari rivolgo i sentimenti di cordoglio e di vicinanza per questa gravissima perdita».

«Ha rappresentato un esempio di amministratore costantemente ispirato ai valori cristiani e al rispetto profondo della persona umana. Con il suo esempio, ci ha insegnato di dover perseguire in ogni atto amministrativo la costruzione del bene comune e di dover essere sempre disponibili all’ascolto - aggiunge Vito Santarsiero, presidente della prima commissione consiliare - Da Presidente della Regione, lo ricordiamo impegnato alla tutela della nostra terra e dei suoi primari interessi. Un ricordo personale: i suoi ultimi consigli per lo Statuto regionale tesi a rafforzare la nostra identità e la qualità e trasparenza dell’azione amministrativa».

«Esprimo, anche a nome del Consiglio regionale, il cordoglio per la scomparsa di Angelo Raffaele Dinardo, presidente della Regione Basilicata dal 1995 al 2000, persona di grande umanità e assoluta competenza che ha guidato la Basilicata in un momento importante della sua storia, rappresentando orgogliosamente il popolo lucano ed i suoi interessi ed inaugurando la stagione del federalismo solidale e cooperativo attraverso gli accordi sull’utilizzo delle risorse naturali - aggiunge il presidente del Consiglio regionale, Piero Lacorazza - A me, che appena diciottenne in quel 1995 mi recai per la prima volta alle urne per votare per un presidente che portava con se le istanze del rinnovamento della politica, resta il ricordo dei valori, ispirati al cattolicesimo democratico, che hanno contrassegnato la sua azione politica. Credo inoltre che il suo legame con il mondo della scuola abbia profondamente segnato la sua personalità e la sua forte capacità di parlare ai giovani. Le istituzioni della Basilicata in questo triste momento rivolgono un pensiero commosso alla famiglia, insieme all’impegno di ricordare degnamente la figura e l’opera svolta da Angelo Raffaele Dinardo a servizio della regione». 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?