Salta al contenuto principale

L’assessore Pepe si dimette
per candidarsi a sindaco di Tolve

Basilicata

Tempo di lettura: 
1 minuto 51 secondi

POTENZA - Poche ore ancora per Pasquale Pepe nella giunta comunale di De Luca a Potenza. Le dimissioni da assessore comunale all’Ambiente, Pepe dovrebbe consegnarle martedì.
Non c’è in ogni caso nessuna rottura con il sindaco Dario De Luca o con il centrodestra del Potentino. Anzi. Pepe semplicemente sarà il candidato (da battere) nella prossima corsa amministrativa a Tolve. Senza pochi giri di parole, Pepe sarà l’uomo da battere e si candida fortemente a ritornare a indossare la fascia tricolore nel Comune devoto a San Rocco.
Già sindaco di Tolve dal 2005 al 2010, Pasquale Pepe si candidò a sindaco alle scorse elezioni dove fu battuto dal primo cittadino uscente Rocco Viggiano. Tra due mesi circa proverà quindi a riprendersi la rivincita contro il centrosinistra.
Per quanto riguarda l’appartenenza politica, Pepe dopo aver lasciato il Pdl (era vicecoordinatore provinciale) a gennaio del 2013 è uno dei politici di spicco di Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni e Gianni Rosa.
Ma non dovrebbe comunque fare partita da sola. Si parla in ogni caso di una lista civica per l’assessore comunale di Potenza ma dietro di lui oltre naturalmente a Fratelli d’Italia dovrebbe contare anche sul sostegno dell’intero centrodestra. Forza Italia compresa. Le diplomazie sono al lavoro e sembra che la sintonia con il centrodestra compatto dovrebbe essere solo una questione di dettagli. Un problema questo per il centrosinistra e il Pd che a Tolve quindi potrebbe pagare dazio.
Ma non è solo una questione “tolvese”. Da martedì, con Pepe ufficialmente in campagna elettorale, si aprirà anche una “crepa” nella giunta comunale di Potenza guidata dal sindaco De Luca che dovrà trovare subito un sostituto. Ed è prevedibile che non sarà così semplice per De Luca (visti i precedenti sulle modifiche degli assessori) riuscire a non far “offendere” nessuno. In ogni caso FI e FdI si attendono una sostituzione in “casa”. Ma il Pd sembra già sul piede di guerra visto che Pepe rischia di essere ora un cliente più che scomodo.

 

sal.san.

s.santoro@luedi.it

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?