Salta al contenuto principale

Comunali, Marrese si autosospende dal Pd
in protesta contro l’Imu agricola

Basilicata

Tempo di lettura: 
1 minuto 29 secondi

MONTALBANO JONICO - Piero Marrese, candidato sindaco alle Comunali di giugno, si autosospende dal Pd per protesta contro l’Imu agricola.
L’imposta del governo centrale è tassa ingiusta non solo per il popolo di centrodestra, a Montalbano Jonico, ma anche del centrosinistra; un segnale forte viene da Marrese. Lo ha chiarito lui stesso, insieme a Giuseppe Di Sanzo (Sel) nel corso di un incontro pubblico, sabato sera, ma anche in una lettera che ha inviato ai dirigenti provinciali e regionali del suo partito.
Dopo aver espresso la sua delusione in merito all’approvazione dell’Imu sui terreni agricoli, giustificando come tale provvedimento serva solo ad allontanare sempre di più il popolo dalla politica in un tempo in cui tutto parla di limiti e di crisi. «Ho provato in tutti i modi –ha spiegato Marrese- ad evitare l’approvazione del decreto, attraverso le segreterie del partito ad ogni livello, fino alle massime cariche rappresentative ed istituzionali: nulla di fatto.
Non nascondo un certo disagio all’indomani di un provvedimento, che potrebbe rappresentare l’ennesima stangata per il comparto agricolo già abbondantemente vessato. E’ necessario che la politica ascolti i bisogni del popolo, era necessario che si facesse un passo indietro e voglio ancora pensare che si possa fare. Scelgo di stare dalla parte del popolo. -ha aggiunto- Ho comunicato la mia ferma decisione di autosospendermi dal partito quale segno di forte protesta fino a quando non verrà fatta chiarezza. La gente è stanca, non può essere spremuta oltre. Tutti a Montalbano abbiamo origine da famiglie che sono andate avanti grazie ai terreni, non possiamo permettere oltre che questi vengano abbandonati».
Adesso si attende anche la voce dei dirigenti provinciali e regionali del Pd.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?