Salta al contenuto principale

«Con noi vince l’alternativa»
Latronico conferma il sostegno a Matera 2020

Basilicata

Tempo di lettura: 
3 minuti 10 secondi

MATERA - Di campagne elettorali ne ha viste molte. Questa volta sosterrà il “borghese indomito” (come lo definì l’avvocato Emilio Nicola Buccico, ndr), Raffaello De Ruggieri, candidato sindaco per il Movimento Matera 2020.
Cosimo Latronico, parlamentare di Forza Italia osserva l’avvio della fase più calda della campagna elettorale e dice: «Mi pare che tutto ciò che poteva apparire come un risultato scontato, apre invece una partita in cui gli elettori potranno svolgere un ruolo importante. Spero che il confronto si sposti sempre più sui contenuti. Forza Italia, in particolare, si sta impegnando con la coalizione civica Matera 2020, con un processo di selezione dal basso partecipando alle primarie. E’ una modalità alternativa, che guarda ad una soluzione diversa rispetto a quella attuale. Diamo fiducia a questo progetto che ha messo al centro temi come quello della sfida che Matera ha davanti a se’ come Capitale della Cultura e lavoriamo ancora in questa direzione con la nostra lista.
Il nostro obiettivo è sensibilizzare la partecipazione, facendola convergere sulla figura di Raffaello De Ruggieri».
Il presidente della Regione Marcello Pittella parla di un partito in cui vanno rispettate le diversità. Cosa ne pensa?
«E’ venuto a sostenere la candidatura di Adduce ma sostiene che si possa pensarla anche diversamente. Lui è il presidente della Regione e se vuole mantenere un profilo istituzionale fa bene a non implicarsi, ma delle due l’una. Se riconosce che la battaglia sia in mano ai materani, deve tenere questo profilo fino in fondo».
E dalla coppia Tortorelli-Benedetto ci si può aspettare un valore aggiunto in campagna elettorale? «Ho detto personalmente ad Angelo Tortorelli che mi sarei aspettato una proposta più esplicita in tempi e contenuti. Rispetto le loro decisioni, ma credo che ci sia un’aura di ambiguità. Se si tratta di un’articolazione del centrosinistra, farebbero bene a stare con Adduce, se devono costruire un’alternativa avrebbero fatto bene a convergere su De Ruggieri. Ma il mio è un punto di vista interessato».
In tempi non sospetti Nicola Benedetto aveva proposto la sua candidatura alla carica di sindaco; ora decide di fare un passo indietro. «Si deve mettere d’accordo con se’ stesso. Se si tratta di una tattica del centrosinistra, non deve sfruttare gli elettori, non li deve disturbare. Il profilo che offre De Ruggieri serve alla città per mettere al centro i temi, per conoscerli e costruire una classe dirigente all’altezza di questa problematica. Il contenuto deve avere la prevalenza su tutto».
Sempre Nicola Benedetto qualche giorno fa, in occasione della presentazione dell’accordo con Angelo Tortorelli ha detto: «Vinceremo al primo turno, ma se dovesse esserci un ballottaggio sarebbe fra noi e Raffaello de Ruggieri».
E’ così? «Io non ho la stessa sfera di cristallo Mi pare ci sia un orientamento in città abbastanza crescente e di stima nei confronti di De Ruggieri. Con la città ha una forte empatia. Il ballottaggio potrebbe dipendere dalla polverizzazione dei voti che entrambi i candidati determineranno».
Mentre il clima in città comincia a prendere corpo, Cosimo Latronico si guarda intorno e aggiunge: «Per noi è andata avanti in un crescendo. Non era scontato che andasse così, si sono imposte delle dinamiche originali ad esempio con le primarie, mettendosi in discussione, senza equilibri di partito nè di corrente alle spalle. Per quanto ci riguarda ha preso piede un percorso originale che spero prosegua.
In questo momento c’è una disputa dilaniante all’interno del Pd con conseguenze che stiamo vedendo, ma non voglio giudicare casa altrui».

a.ciervo@luedi.it

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?