Salta al contenuto principale

Sanità: nomine tra lottizzazione e merito
Conferme, novità e giochi di potere

Basilicata

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 30 secondi

POTENZA - Rocco Maglietta e Giovanni Bochicchio chiudono i giochi delle nomine dei direttori sanitari e amministrativi. I due direttori generali di San Carlo e Asp di Potenza ieri pomeriggio hanno firmato le delibere per le due nomine di loro competenza. manca ancora il Crob. Ma è questione di ore. Anche il direttore generale del Crob di Rionero in Vulture ha fatto le sue scelte. Manca solo la comunicazione ma in effetti i nomi sono già ufficiali. Ad ogni modo al San Carlo, Maglietta ha nominato Maddalena Berardi per la direzione amministrativa e Antonio Picerno per la direzione sanitaria. Si tratta in buona sostanza di due riconferme: la Berardi, è stata già capo del personale dell’Asp di Potenza e dall’ottobre scorso svolgeva il ruolo di sub commissario amministrativo del San Carlo. Antonio Picerno invece è stato direttore del Laboratorio di analisi del San Carlo, ha svolto le funzioni di direttore sanitario dopo la designazione del sub commissario Giovanni Battista Bochicchio a direttore generale dell’Asp di Potenza. Per l’eterna questione dei riferimenti politici che esiste nella Sanità lucana si è appreso che si tratterebbe di due nomine fortemente volute da Maglietta in piena autonomia. Anche se la Berardi qualcuno la indica come vicina alla posizioni politiche di Pittella. Picerno invece viene attribuito direttamente a Maglietta per un’amicizia (e una stima professionale) antica.
Per l’azienda sanitaria di Potenza del direttore generale Bochicchio c’è una riconferma e una novità. La rinferma è quella di Cristiana Mecca come direttore amministrativo. Per l’incarico di direttore sanitario invece è stato nominato Massimo De Fino già dirigente Asp a Lauria. Per i retroscena politici, si può dire che Mecca è la moglie del presidente della Provincia di Potenza, Nicola Valluzzi. Quindi l’area di riferimento politica è quella di Piero Lacorazza. Mentre per De Fino non fosse altro per la provenienza da Lauria ci sarebbe il placet dei Pittella.
Chiuso con le nomine di Potenza già chiuse. C’è Rionero. In pratica all’Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico è prevista una riconferma e una novità. La riconferma è quella di Sergio Molinari come direttore sanitario. La novità è Giovanni Chiarelli che sarà il nuovo direttore amministrativo al posto di Maria Mariani.
E se su Sergio Molinari si può senz’altro dire che esiste una vicinanza politica al segretario provinciale del Pd, Antonello Molinari (non c’è parentela) e quindi a Roberto Speranza su Chiarelli la questione è più vaga. Anche lui arriva da Lauria in qualità di dirigente. E’ oltretutto anche il nipote dell’arcivescovo di Catanzaro.
Esce dai giochi da direttrice amministrativa del Crob (che non è stata riconfermata) invece Maria Mariani la cui vicinanza politica al consigliere regionale - ed ex sindaco di Potenza - Vito Santarsiero è nota essendo la moglie del fratello.

s.santoro@luedi.it

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?