Salta al contenuto principale

La sinistra di Matera è con Adduce
«Non si può ricominciare da zero»

Basilicata

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
3 minuti 55 secondi

MATERA - «Una guida politica forte e la consapevolezza che ricominciare daccapo sarebbe un guaio vero». Francesco Rutelli è a Matera per sostenere la candidatura di Salvatore Adduce e la lista di Alleanza per l’Italia. «Matera deve crescere, rinnovare l’Amministrazione che ha fatto così bene e raggiunto un risultato importante a cui bisogna dare continuità, non si può interrompere questo lavoro. Serve la forza di una coalizione politica e non civica, spesso abbiamo dei sindaci improvvisati che non hanno il tempo e l’esperienza per gestire questo tipo di situazione.
Serve un profilo di rispettabilità e di esperienza per affrontare questa grande sfida che mette Matera in una posizione importante ma che richiede anche uin lavoro non di poco conto per riuscire a gestire al meglio questo tipo di situazioni». Rutelli non nasconde la sua passione per Matera, il fatto di essere venuto altre volte in città di conoscere bene pregi e meccanismi ed anzi non ha esitazioni nemmeno nel sottolineare: «io sono un appassionato di questa città, ho sempre portato il riscatto di questa città come esempio nelle trasmissioni a cui ho partecipato così come anche nelle visite che ho fatto all’estero.
Matera è riuscita a fare un qualcosa di formidabile, è davvero l’esempio di quello che l’Italia può fare per crescere e migliorare. Ma senza una persona che sappia gestire e abbia l’esperienza per amministrare questi processi si rischia seriamente di finire fuori strada.
Io ho rispetto per l’avvocato De Ruggieri ma credo che serva questa guida politica e quest’esperienza a questa città e lo dico senza alcun tipo di esitazione».
Rutelli ha ricordato anche la sua esperienza da amministratore, da sindaco di Roma che ha dovuto gestire un grande evento come il Giubileo.
«Un evento che non era facile gestire e che non ha rappresentato mai esempio di sprechi o di corruzione, un risultato che voglio ricordare e che conferma l’idea che ci voglia esperienza e conoscenza politica in queste situazioni».
Rutelli annuncia anche un grande appuntamento europeo a Matera con Alleanza per l’Italia nel prossimo autunno e quanto ai problemi di viabilità e di mobilità che la città ha non si scompone: «io credo che si debba immediatamente avviare un asse molto forte con la Puglia e il lavoro che in questo senso potrà fare Emiliano nel momento in cui diventerà presidente della Regione è molto importante. Per me la strada è quella di un asse privilegiato tra Matera e la Puglia.
Prima dell’arrivo di Rutelli e del suo comizio in piazza ieri sera c’è stata anche un’altra manifestazione di Sel sempre a sostegno della candidatura di Salvatore Adduce.
«La sinistra di Matera é con Salvatore Adduce. E' solo con Adduce che si può parlare seriamente di temi che appartengono alla nostra sensibilità come il lavoro, i diritti, il sostegno alle persone più deboli, la parità di genere. Chi sta su altri fronti ha fatto una scelta diversa e non può dirsi di sinistra. Chi ha a cuore le nostre battaglie venga con noi per portare questi temi in Consiglio comunale» ha spiegato Giuseppe Miolla.

Presente all’appuntamento anche Piero di Siena, giornalista e ex senatore: "Quello che sta accadendo a Matera può cambiare verso alla nostra regione in un momento storico di grande responsabilità. Cambiare verso significa che a Matera il modo di affrontare il 2019 può modificare le sorti della regione, Matera può diventare il motore reale e concreto dello sviluppo economico della Basilicata.
Parlo alle persone di sinistra: l'esperienza di Adduce rappresenta l'unica strada possibile che può creare il contesto politico amministrativo per segnare una svolta del cammino della Basilicata. Oggi più che nel passato Matera ha sulle sue spalle una enorme responsabilità che solo il centrosinistra può governare. E in questo schieramento la sinistra deve avere un ruolo.
Esiste una tradizione trasformista nella élite politica della città evidente nelle scelte di deruggieri e di Viti. Questo é un male per la città. Matera ha bisogno di una scelta di campo proprio come quella che ha fatto il centrosinistra a sostegno di Adduce. Non si può dire che si è di sinistra e poi si sta insieme al centrodestra. Chi non ha idee precise e chiare, chi non è in grado di fare una scelta di campo non può governare le importanti sfide che attendono Matera»

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?