Salta al contenuto principale

«Siamo a rischio dissesto finanziario indotto»
Valluzzi denuncia: l'instabilità è dietro l'angolo

Basilicata

Tempo di lettura: 
1 minuto 3 secondi

Il rendiconto di gestione 2014 approvato dalla Provincia di Potenza «potrebbe essere l’ultimo atto di bilancio rispettoso dei principi di equilibrio e degli impegni assunti, prima di un inevitabile dissesto finanziario indotto».

Lo ha detto, in una dichiarazione, il presidente, Nicola Valluzzi (Pd), riferendosi in particolare «all’ulteriore prelievo di circa undici milioni di euro determinato per il 2015 dalla legge di stabilità, oltre che dai ritardi e dalle contraddizioni emerse nel trasferimento delle funzioni non fondamentali, ancora tutte a carico delle Province».

Citando una relazione della Corte dei conti, Valluzzi ha parlato di «insostenibilità che, in concreto, si traduce nella incapacità per gli enti di assolvere ai loro compiti fondamentali, innanzitutto la gestione delle scuole e delle strade e, per alcuni, il pagamento degli stipendi al personale».

Nel rilevare che «le Province possono essere cancellate e superate immediatamente purché il Governo e le Regioni decidano in maniera chiara e coerente chi fa cosa e con quali soldi».

Valluzzi ha detto di vedere all’orizzonte «un disastro che, benché annunciato, può essere ancora evitato». (ANSA).

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?