Salta al contenuto principale

Nasce l’Unione dei Comuni
Val Camastra Basento

Basilicata

Tempo di lettura: 
1 minuto 35 secondi

Con la convocazione ordinaria del consiglio dell’Unione è stata ufficialmente costituita l’Unione dei Comuni “Val Camastra Basento”, composta dai sei comuni dell’area: Abriola, Anzi, Brindisi Montagna, Calvello, Laurenzana e Trivigno.

Il consiglio si è svolto a Calvello alla presenza dei sindaci e dei diciotto consiglieri comunali in rappresentanza dei 6 comuni.

Dopo aver discusso dei vari punti all’ordine del giorno, il consiglio ha provveduto all’elezione della carica di presidente, nominando all’unanimità con un solo astenuto, Mario Domenico Antonio Gallicchio sindaco di Calvello ed è stata costituita la Giunta composta dai sei sindaci dell’Unione, cariche di nomina biennale che non prevedono remunerazioni.

Come previsto dallo Statuto la sede dell’Unione dei Comuni è la già esistente struttura nell’Area PiP del Camastra nel territorio di Anzi, i sindaci nella riunione di insediamento hanno deciso che le prime sei riunioni di giunta verranno svolte, in forma itinerante, nei sei paesi costituenti, in modo così da poter illustrare ai cittadini gli obiettivi stabiliti e la visione strategica di sviluppo dell’Unione nonché ascoltare le istanze e le proposte delle relative popolazioni.

«La responsabilità degli amministratori di oggi è garantire il futuro ai cittadini del domani – ha affermato il neopresidente Gallicchio - la nascita dell’Unione dei Comuni della Val Camastra Basento è un punto di partenza per affrontare le sfide e le emergenze che ogni giorno ci troviamo a far fronte sui nostri territori. Ringrazio i mie colleghi sindaci e tutti i consiglieri per il consenso che ho ricevuto nonché i sindaci delle precedenti consiliature di Abriola, Anzi e Laurenzana, che insieme dal 2011 abbiamo confidato e spinto nella direzione della condivisione e della unitarietà sui territori contributo fondamentale per la costruzione del nuovo soggetto istituzionale che mette insieme 6 comuni protagonisti e circa 8500 cittadini».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?