Salta al contenuto principale

Al lavoro su priorità infrastrutturali
Incontro tra De Ruggieri e il viceministro Nencini

Basilicata

Tempo di lettura: 
2 minuti 58 secondi

MATERA - Ribadite le priorità viarie e ferroviarie e tenuta alta l’attenzione sulle necessità infrastrutturali di cui la città di Matera ha bisogno. Che si tratti di una priorità nessun dubbio e che ci sia l’intenzione di spingere fortemente sull’acceleratore è confermato dalla trasferta di ieri con la quale il sindaco De Ruggieri ha incontrato a Roma il viceministro ai trasporti Riccardo Nencini. Un confronto che è stata l’occasione per rimettere l’accento su alcune questioni e magari sottolinearne delle altre che potevano passare in secondo piano.

Nell’immediato l’urgenza maggiore è sempre quella che riguarda la Bradanica e la necessità di completare un’arteria fondamentale che tra l’altro ha già a disposizione le risorse necessarie. Uscire dall’impasse e dare un’accelerata a quest’intervento costituisce il passo più immediato e importante su cui poter lavorare.

Quanto invece ai nuovi interventi un accento è stato portato su quei pezzi della “Murgia-Pollino” che oggi risultano maggiormente strategici per Matera a cominciare dall’innesto fino a Gioia del Colle, una priorità più volte sottolineate nelle passate settimane e su cui l’Amministrazione pare intenzionata a virare ma anche la Matera-Ferrandina altro intervento nevralgico e non di poco conto. L’asse con Bari diventa invece quello da migliorare soprattutto sotto il profilo ferroviario dove la sinergia con il centro pugliese diventa strategica per i collegamenti di Matera in molte direzioni.
L’incontro sarà probabilmente solo uno di quelli che serviranno per delineare un percorso anche tecnico nel quale avviare con risorse e tempistiche adeguate questo tipo di necessità, su cui la città di Matera intende lavorare e su cui la Regione Basilicata ma lo stesso Governo nelle parole recenti di Delrio e nella reazione positiva e disponibile di ieri di Nencini avrebbe dato chiaramente.
Importante per spiegare anche le necessità infrastrutturali, le possibili scelte praticabili la presenza del consigliere comunale Socialista Michele Lamacchia che con Nencini, segretario nazionale del partito, divide non solo l’appartenenza politica ma anche l’attenzione verso questo tipo di tematiche.

Tanto che nel corso della giornata di ieri si è andata facendo spazio con forza l’ipotesi che proprio i Socialisti potrebbero avere un ruolo di primo piano all’interno della futura giunta che De Ruggieri dovrà andare ad annunciare nel giro di qualche giorno e proprio per creare un asse solido di collaborazione su questi temi con il Governo nazionale, i temi legati alle infrastrutturali potrebbero essere affidato ad un esponente tecnico vicino ai Socialisti.

Il nome che circola in queste ultime ore è quello di Valeriano Delicio, segretario provinciale della Feneal Uil, profondo conoscitore delle tematiche che riguardano lavoro ma anche infrastrutture e delle necessità su queste materie per il territorio.

Anche in questo caso i prossimi giorni daranno le risposte necessarie ma gli indizi a disposizione portano tutti in una medesima direzione e cioè appunto la nomina di Delicio e un asse diretto con il Governo nazionale. Un ruolo di grande delicatezza che De Ruggieri dovrà affidare, pur mantenendo ovviamente in maniera diretta l’attenzione su queste fondamentali questioni che riguardano il territorio.

Le scelte che andranno fatte si svilupperanno probabilmente anche rispetto ad obiettivi e necessità che l’Amministrazione e il neo sindaco si daranno sin da subito ed al novero delle priorità che verranno messe in campo.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?