Salta al contenuto principale

Potenza divisa tra il buco Cotrab e gli aiuti
Aumenta la spaccatura, Mignoli (FdI) : «Avete rubato il futuro»

Basilicata

Tempo di lettura: 
3 minuti 29 secondi

POTENZA - Ormai è chiaro: il “Salva Potenza” - che si appresta ad arrivare in Consiglio regionale per l’approvazione di un articolo dell’Assestamento di bilancio in cui è previsto l’aiuto di 32 milioni di euro che la Regione trasferirà al Comune di Potenza in 4 annualità - è diventato il campo di battaglia per rese dei conti personali e scontri tra fazioni politiche.

Tuona in tal senso il capogruppo di Centro democratico in Consiglio comunale, Fernando Picerno: «A parte il M5s a cui va dato atto almeno di condurre a viso aperto una battaglia, sia pure dai toni fortemente demagogici e travisati rispetto alla realtà e verità dei fatti, per tutti gli altri che vogliono scaricare il dissesto finanziario di Potenza sui cittadini è giunta l'ora di gettare la maschera».

E quindi l’esponente potentino del partito di Nicola Benedetto sottolinea ancora: «E' bene che i potentini conoscano nome e cognome e quindi partito di appartenenza di chi voterà in Parlamento come nell'aula di viale Verrastro. Noi li forniremo. Furbizie, strumentalizzazioni ed altre manovre che pure hanno caratterizzato sinora – aggiunge Picerno – la complessa vicenda del “salva Potenza” non sono più tollerabili. Per ora bisogna concentrarsi su questo solo dopo toccherà al sindaco De Luca, con la serenità riacquistata, avviare la nuova stagione di governo della città allargando responsabilità e partecipazione in Giunta e tenendo conto di chi ha dato prova di responsabilità e serietà, ci ha messo la faccia senza risparmio di energie».

Ma per chi mette “faccia e petto” in difesa di Potenza e del sindaco De Luca c’è chi invece pone l’attenzione sulle “ombre”. La giovane dirigente di Fratelli d’Italia, Rosanna Mignoli invece parla invece rispetto a un’altra prospettiva e attacca sulla vicenda del Cotrab parlando di «un “Sistema Basilicata” con annessi e connessi che hanno rovinato un capoluogo di regione, contaminando ogni angolo della macchina amministrativa con malaffare e parassitismo. Non si spiegherebbe in altro modo il perché un'amministrazione comunale preferisca fare gli interessi, in questo caso della Cotrab, piuttosto che dei cittadini. Il sindaco De Luca, che tanto ci aveva fatto sognare una rinascita, oggi pare aver scoperto l'amicizia di tutta questa “bella gente” a fronte di 32 milioni di euro. Chiediamo al Sindaco di non legittimare il Sistema Basilicata. Continui la sua azione di risanamento solo con chi auspica il cambiamento etico e morale della città, non dimenticando che “il lupo perde il pelo e non il vizio».

La “sorella” d’Italia Mignoli quindi non fa sconti e attacca ancora: «Si sono mangiati il nostro futuro. A Potenza oltre al danno la beffa. Tanto emerge dalle indagini svolte dal Nucleo di Polizia tributaria delle Fiamme gialle di Potenza che, scavando a fondo nelle pieghe del dissesto (e disastro) potentino, ha trovato una vera e propria voragine: 17 milioni di euro che il Comune di Potenza pare aver praticamente regalato alla Cotrab (Consorzio trasporti azienda Basilicata). In particolare sono state contestate 8 delibere approvate dal 2006 al 2013. Mancanza di qualsiasi controllo sul servizio offerto, nessuna sorveglianza sulla reale esecuzione delle corse, sulla pulizia e puntualità dei veicoli e sul rispetto degli obblighi del personale dipendente».

Per questo chiude Rossana Mignoli di Gioventù nazionale: «Da giovani siamo amareggiati per tutto ciò: risorse pubbliche, per gli investigatori 17 milioni di euro, regalati agli “amici” e quindi sottratti ai cittadini e alla comunità. Per questo chiediamo che si faccia velocemente chiarezza e i colpevoli siano puniti severamente. Queste sedicenti amministratori che agivano per “il bene della città” si sono “mangiati” il nostro futuro».

Insomma al netto del “Salva Potenza” e delle leggi per ripianare il deficit del Comune di Potenza appare in piena evidenza che la questione non verrà risolta con un voto in più o con un voto in meno. La questione è ben più complessa.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?