Salta al contenuto principale

Il "Salva Potenza" salva anche tutto il resto
Effetto a cascata del sostegno al capoluogo

Basilicata

Tempo di lettura: 
4 minuti 1 secondo

Il consiglio regionale ha approvato a maggioranza (con 12 voti favorevoli di Pd, Cd, Ri e Psi, 7 voti contrari di M5s, Udc, Pdl-Fi, Gm, Lb-Fdi) l’assestamento del bilancio di previsione per l’esercizio finanziario 2015 e del bilancio pluriennale 2015/2017 della Regione Basilicata.

Il totale generale delle risorse disponibili nell’esercizio 2015 ammonta a circa 3 miliardi di euro, comprensivo della reiscrizione delle risorse vincolate e non impegnate nell’esercizio 2014.

«La manovra nel suo complesso - spiega una nota del consiglio regionale - risente dei tagli effettuati dal Governo nazionale e dalla minore entità delle royalties versate nelle casse lucane a causa del calo vertiginoso delle quotazioni del petrolio avvenuto nel 2014».

La manovra si caratterizza per alcuni interventi di coesione sociale e istituzionale.

In materia sanitaria previsto un finanziamento di 9 Meuro a valere sul triennio 2015/2017. In particolare sono stati previsti 4 Meuro per l’avvio delle attività di carattere scientifico presso l’Istituto reumatologico lucano e 5 Meuro per il potenziamento dei presidi di pronto soccorso in provincia di Matera in vista dell’evento “Matera 2019”.

Per affrontare le problematiche legate al flusso migratorio la Regione ha stanziato un contributo di 150 mila euro a favore della Croce Rossa Italiana, Comitato Alto Bradano. Il contributo sarà utilizzato per la gestione dei campi di accoglienza istituiti dalla Regione Basilicata nei Comuni di Palazzo San Gervasio e di Venosa a favore dei lavoratori stagionali migranti impegnati per la raccolta dei prodotti ortofrutticoli nell’area del vulture Alto Bradano.

La manovra finanziaria 2015 dedica spazio ad alcuni interventi a favore di enti che versano in situazioni difficili. Al Comune di Potenza, al fine di concorrere ad assicurare i servizi essenziali, saranno assegnati oltre 32 milioni di euro. Il contributo sarà ripartito negli anni 2015, 2016 e 2017.

Contributo anche per il Comune di Nova Siri (1,2 Meuro) finalizzato a scongiurare la dichiarazione di dissesto e per la ex Comunità Montana Marmo Platano (400 mila euro) al fine di concorrere alla gestione commissariale.

Inoltre, istituito un apposito Fondo regionale di circa 4 milioni di euro per la concessione di un contributo straordinario a favore dei Comuni della regione.

«Alla base della misura l’intenzione di concorrere al superamento delle criticità finanziarie conseguenti alla contrazione delle entrate, ivi compresi i proventi dell’Imu agricola, e all’incremento delle spese sostenute nel corso dell’annualità 2015 e di favorire la continuità dell’erogazione dei servizi essenziali da parte degli stessi».

sal.sant.

Sono due leggi slegate dall’Assestamento che però ieri hanno bloccato i lavori consiliari per alcune ore. La questione era esplosa durante il dibattito consiliare rispetto ai dubbi sollevati dai consiglieri di minoranza sulla validità della Commissione che si era riunita appunto in merito alle due leggi ma in prossimita dei lavori consiliari.

Maretta in aula con botta e risposta tra il presidente del Consiglio Piero Lacorazza e il consigliere Franco Mollica dell’Udc. Alla richieste di verifica delle norme da parte di Giannino Romaniello (ex Sel) sono intervenuti i responsabili del regolamento. Alla fine i due disegni di legge sono stati rinviati a lunedì con soddisfazione da parte della minoranza. E solo verso mezzanotte si è iniziato a discutere dell’articolo 15 dell’Assestamento e cioè del “Salva Potenza”. 

Di certo però, il “Salva Potenza” un effetto a cascata, al di là del merito, sull’impianto stesso dell’Assestamento lo ha creato.

Perchè quasi come funghi sono apparsi anche nelle ultime ore (durante la seduta già iniziata) piccoli e grandi finanziamenti destinati ad altre realtà territoriali.

Su tutto il finanziamento di 5 milioni di euro per il potenziamento dei presidi sanitari del Materano.

Se ne è discusso in aula durante il tardo pomeriggio con consiglieri regionali di minoranza che hanno parlato di provvedimento richiesto dai consiglieri di maggioranza del Materano e del Metapontino per “equilibrare” gli aiuti economici indirizzati a Potenza. Il presidente della Regione Marcello Pittella ha respinto con forza il “teorema” sollevato dai banchi della minoranza che però si sono detti non convinti nonostante il governatore abbia parlato di una iniziativa già promossa da settimane. In ogni caso i finanziamenti destinati a molti Comuni (tra cui i 15 milioni alle Province) sono tanti e corposi.

E in tal senso una polemica accesa c’è stata anche sul finanziamento di 5 milioni per l’aias di Melfi a fronte dello zero per le altre Aias.

Si è resa necessaria anche su questo punto una riunione urgente della maggioranza per ritrovare un riequilibro territoriale. Riunione che ha bloccato i lavori per quasi un’ora con urla nella stanza delle riunioni riservate che si sentivano fino a metri di distanza.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?