Salta al contenuto principale

Anche Molinari tende la mano
«Concordo con Pittella, rimbocchiamoci le maniche»

Basilicata

Tempo di lettura: 
1 minuto 50 secondi

POTENZA - Anche il segretario provinciale del Pd, Antonello Molinari, si inserisce nel dibattito del post polemiche di ferragosto in casa dei democratici lucani. E dopo il ramoscello d’ulivo offerto dal presidente Pittella che più volte ha invitato ad archiviare la querelle, anche il dirigente Dem di area speranziana, prova a gettare acqua sul fuoco. Lo dice esplicitamente con un intervento affidato a una nota stampa: «Concordo con il Presidente Marcello Pittella: archiviamo le polemiche ferragostane e volgiamo lo sguardo costruttivamente in avanti per far ripartire la Basilicata».
Sembra essere un vero appello, quello del segretario provinciale di Potenza: «Rimbocchiamoci, tutti (anzi TUTTI, con il carattere maiuscolo, utilizzato, evidentemente, non a caso ndr), le maniche ed adoperiamoci con convinzione e senza retro pensieri». Perché le sfide che attendono la regione - continua Molinari - non possono essere compromesse dall’aspro dibattito interno al partito. Per questo, occorre «realizzare la più ampia unità possibile del Pd lucano ed offrire risposte concrete ai bisogni ed alle aspettative dei cittadini nelle impegnative sfide di governo». Certo, parlare di pace tra le due aree del partito democratico lucano che ormai da tempo si danno battaglia è per ora una parola grossa. Ma quello di Molinari suona come un vero e proprio appello a responsabilità individuali e collettive: «Ciascuno faccia la sua parte - aggiunge - qualsiasi sia il ruolo che svolge o che svolgerà, e sia protagonista propositivo di una nuova stagione d’impegno politico con al centro una sola priorità: lo sviluppo della Basilicata.
E’ lapalissiano che il contributo decisivo alla coesione unitaria nel partito deve fornirlo chi detiene le maggiori responsabilità istituzionali».
E con gli occhi puntati alle due importanti prossime scadenza, l’assemblea regionale del 20 settembre ed il congresso cittadino di Potenza, conclude: «Devono rappresentare l’occasione per rilanciare una nuova fase della coalizione di governo e del centrosinistra e per definire l’agenda delle urgenze programmatiche da affrontare e risolvere con azioni positive che corrispondano alle attese ed alle esigenze delle popolazioni lucane e restituiscano ai cittadini fiducia nella politica e nelle istituzioni».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?