Salta al contenuto principale

Approvata l'ipotesi di bilancio a Potenza
Il riequilibro è «è solo un punto di partenza»

Basilicata

Tempo di lettura: 
1 minuto 46 secondi

A maggioranza - con il voto contrario di Forza Italia, M5S e Scelta Civica e l’astensione di due consiglieri del Pd - il Consiglio comunale di Potenza ha approvato l’ipotesi di bilancio di previsione stabilmente riequilibrato per il triennio 2015-2017.

Al termine del dibattito sull'ipotesi di bilancio riequilibrato, il sindaco, Dario De Luca, ha sottolineato che «è un giorno di ripartenza e non di arrivo. Il bilancio di previsione - ha continuato - sarà sicuramente emendato dal Ministero, una fase che mi auguro possa essere risolta nel più breve tempo possibile. L’anno trascorso non è trascorso invano, almeno per quanto riguarda la conoscenza che abbiamo maturato in questo periodo. Sono molti i problemi irrisolti e molti sono quelli che abbiamo cominciato ad affrontare che, constate le emergenze, hanno provocato criticità per far fronte a una situazione che ci vedeva con casse esangui».

Secondo il sindaco, «il ricorso alle anticipazioni di cassa è stato per noi obbligatorio e strutturale, anche se ritengo sia una situazione dalla quale verremo fuori. Il contribuito attribuitoci dalla Regione ha lo stanziamento più importante nel 2017 e solo allora si potrà ovviare dalle anticipazioni di cassa. Le difficoltà che siamo chiamati ad affrontare da oggi fino a quel momento non mi spaventano se sapremo affrontarle congiuntamente».

Tra le cose «da fare», De Luca ha inserito «la ristrutturazione della macchina amministrativa che ha defiance molto grandi, questa
sarà la prima priorità. Ci saranno mal di pancia pazienza, l'importante è che finalmente non li abbiano i nostri cittadini. Sull'Acta interverremo con l’accetta e non con il cesello, abbiamo necessità che il sistema della gestione rifiuti sia completamente rivisto».

All’inizio della seduta è stato osservato un minuto di raccoglimento in memoria dei due figuranti morti lo scorso 29 agosto, in contrada Dragonara, durante una rievocazione storica sul brigantaggio. (ANSA).

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?