Salta al contenuto principale

L'area Bersani si riorganizza a Matera
Un esperimento ispirato a “Ci riguarda”

Basilicata

Tempo di lettura: 
1 minuto 14 secondi

MATERA - E’ stata una Leopolda tutta materana, organizzata da un gruppo di giovani (molti supporter attivi dell’ex sindaco Adduce alle ultime Comunali), proprio sul modello nazionale dei tavoli di lavoro, lanciato dal premier Renzi per avanzare le prime istanze di rinnovamento nel Pd. Anche se qui a promuoverla è l’area Bersani-Speranza.
A Matera lo scopo sembra essere quello di rilanciare la politica dal basso, partendo da temi nevralgici e di interesse collettivo, in modo da stimolare la partecipazione attiva della comunità. E come esordio non c’è male, visto che ieri mattina alle 10 il tavolo sul petrolio era già sold out, seguito da quello di infrastrutture e Mezzogiorno, atavico gap della Basilicata. Alla fine erano oltre 120 gli iscritti, con tanto di lista d’attesa ai tavoli più “gettonati”. Un esperimento ispirato a “Ci riguarda” (da qui il titolo) del libro di Alessandra Bocchino, pubblicato a fine 2014, che tratta di un viaggio in Basilicata raccontato nel contrasto tra l’antico e il moderno. Sei tavoli di discussione, coordinati da personalità esperte, come il pianificatore Lorenzo Rota su infrastrutture e Mezzogiorno; il sottosegretario alla Sanità Vito De Filippo, il vice ministro dell’Interno, Filippo Bubbico, entrambi ex presidenti della Regione, su sanità e petrolio e poi la soprintendente Marta Ragozzino sui patrimoni culturali, il professore Michele Greco sull’erosione costiera e la giornalista Chiara Geloni su comunicazione e informazione.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?