Salta al contenuto principale

Luongo e altri big sono già volati a Roma
Ma nessuna dichiarazione ufficiale (per ora)

Basilicata

Tempo di lettura: 
2 minuti 46 secondi

POTENZA - Luongo era gia a Roma ieri. Non per bloccare il commissariamento assicurano le fonti. E c’è da crederci. Mancano 19 giorni all’ultimatum. Magari la visita romana era già in agenda. Magari era un viaggio personale.
Ma è abbastanza sintomatico il fatto che ieri nella capitale c’erano un pò tutti i big del Partito democratico lucano. Da Pittella a Lacorazza, ai parlamentari naturalmente fino allo stesso Luongo.
Ognuno per motivi diversi. Ognuno in una sede politica diversa. Ma è il segno che il centro di comando della politica lucana si stia sempre di più spostando da Potenza (e Matera) a Roma.
Detto questo ieri è stata una giornata un pò surreale. Come se i colpi lanciati da Marcello Pittella non fossero stati ancora digeriti. Assimilati. C’è ancora chi si interroga sul perchè abbia fatto la conferenza?
Sul cosa volesse intendere. O piuttosto su quale sia l’obiettivo finale. Pochi hanno già scelto come reagire. E addirittura se reagire. Sembra un paradosso perchè 20 giorni sono pochi. Pochissimi. E se passassero senza almeno un confronto, una proposta, una idea, il rischio di una deflagrazione completa sarebbe altissimo. Potrebbe il presidente della Regione fare marcia indietro? No.
Intanto chi dimostra più “freddezza” è il parlamentare renziano Salvatore Margiotta che su twitter si è detto ottimista: «Risolveremo in 20 giorni. Siamo al lavoro». E poi pure aggiungendo che si può lavorare all’unitarietà del Partito anche senza doverlo per forza commissariare.
Si vedrà. Più “insofferente” invece il presidente del Consiglio regionale, Piero Lacorazza che ha scritto (sempre su Twitter) una frase che suona da “invito” ma anche da distinguo: «Si discuta in maniera aperta. Se c’è una questione nel Pd di Basilicata se ne discuta non solo a Roma. Le democratiche e democratici lucani non capirebbero».
Silenzio invece da Luongo. E’ nello stile di chi da sempre preferisce esercitare il potere con manifestazione di silenzio piuttosto che incidere sulla comunicazione ad horas.
Da quanto si è appreso comunque il segretario regionale questa volta, vista la delicatezza della questione, potrebbe nelle prossime ore rispondere con una nota alle questioni solevate dal governatore lucano. Anche questo si vedrà. Di certo ieri la comunicazione del Pd regionale ha annunciato altro e cioè la partecipazione di Luongo martedì prossimo (il giorno in cui Marcello Pittella parlerà in Consiglio degli interventi per la Basilicata compresi nel Masterplan di Renzi) in un convegno a Viggianello sul tema “Partito e nuove sfide”
Potrebbe essere quella l’occasione pubblica in cui il segretario risponderà a Pittella magari annunciando la convocazione dell’assemblea regionale o altro. Iniziativa comunque che a quanto pare era già stata organizzata prima della conferenza di Pittella per lanciare “l’apertura della campagna di tesseramento al Pd per il 2015”.
In ogni caso i 20 giorni non sarà facile non contarli anche grazie a Gianni Rosa che ha iniziato una sorta di countdown comunicativo. Non resta che aspettare e vedere se il Pd nel suo insieme riuscirà a trovare una soluzione o se sarà la volta buona per una resa finale probabilmente non più procrastinabile.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?