Salta al contenuto principale

«Pittella deve farsi aiutare»
Taddei in avanscoperta per la nuova maggioranza

Basilicata

Tempo di lettura: 
3 minuti 41 secondi

POTENZA - «Sarebbe auspicabile che la maggioranza che tanto sta facendo bene a Roma per il Paese venisse formata anche in Basilicata». Lo dice senza girarci troppo intorno, il coordinatore regionale di Ncd, e responsabile di Area popolare, Vincenzo Taddei.
In pratica Taddei sembra uscire in avanscoperta per sondare il terreno rispetto a un ingresso dei moderati Pace e Mollica nella maggioranza di Pittella alla Regione.
Ovviamente i ragionamenti di Taddei vanno oltre. L’ex parlamentare e dirigente del partito di Alfano e Viceconte esordisce su questioni strettamente politiche: «Sul piano nazionale e anche a livello europeo con la social democrazia c’è un discorso avanzato su alleanze forti come in Spagna e Germania. Lo stesso vale anche con la mutazione genetica del Pd che sta effettuando Matteo Renzi».
Taddei quindi aggiunge: «Credo che se vogliamo rispondere in maniera seria - come sta accadendo in Europa e in parte a livello nazionale - al populismo e alla demagogia si rende necessaria la costruzione di una forza moderata che riempia di contenuti un’area politica».
Il coordinatore regionale del Nuovo centrodestra di Alfano quindi poi folalizza le questioni più a livello locale: «Anche qui da noi non è possibile far finta di nulla. Noi stiamo lavorando con molto senso di responsabilità. Si veda la vicenda del 3 per cento delle royalties e anche altre questioni importanti nella quali noi stiamo proseguendo d’intesa con il presidente della Regione con un grande senso di lealtà guardando al bene generale della nostra Regione. Noi crediamo non abbia più senso questa collaborazione a tratti. Cioè che vale da Pontecagnano fino a Roma e non in Basilicata».
E per essere ancora più chiaro, Vincenzo Taddei spiega: «Da coordinatore di Ncd dico che noi siamo disponibili ad avviare un percorso più significativo in Basilicata con la maggioranza regionale che sia in sintonia con quanto accade già a livello nazionale. Riteniano infatti, che una nostra presenza nella maggioranza possa dare un contributo più incisivo per risolvere le questioni e rilanciare lo sviluppo della nostra regione. Non sarebbe oltretutto un caso isolato. Lo ripeto: è quello che già accade in Parlamento dove un’alleanza tra noi l’Area popolare - perchè di questo si tratta - sta portando frutti molto importanti per il Paese. Per questo crediamo che il governo regionale e il presidente Pittella possano solo avere dei vantaggi dal nostro ingresso nella maggioranza».
Taddei non è un politico agli esordi. Le sue dichiarazioni ovviamente sono state ponderate ragionate. Che da qui poi si arrivi realmente a un allargamento della maggioranza regionale con l’ingresso di Franco Mollica (Udc) e Aurelio Pace (PpI) ne passa. Ma in una situazione in cui il centrosinistra e il Pd regionale è in grande dinamismo anche per le scelte di rimpasto di Giunta che attendono Pittella, le parole di Taddei assumono un significato particolarmente importante.
Ora va detto che il coordinatore regionale del Nuovo centrodestra non entra nel merito delle “beghe” del Pd, ma va avanti nei propri ragionamenti politici: «L’idea è quella di poter dare il nostro contributo di idee in perfetta sintonia con la nostra rappresentanza parlamentare, con i nostri ministri e con i sottosegretari presenti nel governo Renzi. L’obiettivo è quello di rafforzare la Basilicata e aiutarla a superare i suoi problemi».
Alla domanda specifica quindi su chi siano le forze in consiglio su cui potrebbe contare Marcello Pittella, Taddei risponde spiegando: «Il primo step lo abbiamo fatto nelle provinciali del 2014 dove noi di Area popolare che siamo Ncd, Udc e PpI abbiamo fatto una lista unitaria prendendo il 10 per cento. E’ un’area quindi che parte da queste tre forze politiche con l’intenzione di aggregare altri movimenti civici e altre personalità dell’area moderata per fare crescere una sensibilità politica che rischia di rimanere orfana in questa regione».
E per essere ancora più chiaro Taddei poi dichiara: «Credo che il presidente Pittella in questa fase dovrebbe avere più coraggio, perchè riteniamo che la nostra partecipazione nella maggioranza potrebbe solo rafforzare lui e il governo regionale soprattutto in una fase in cui con Matera 2019 la Basilicata si gioca una partita fondamentale per il futuro».
s.santoro@luedi.it

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?