Salta al contenuto principale

Pd: com’è cambiata la galassia del potere
La minoranza non renziana: solo Speranza e Lacorazza

Basilicata

Tempo di lettura: 
3 minuti 21 secondi

POTENZA - Piaccia o non piaccia. Sia un nuovo assetto di prospettiva o solo di necessità e sopravvivenza, sta di fatto che la “geografia” politica del Partito democratico lucano è completamente mutata. In maniera definitiva? Si vedrà.

Perchè il Pd lucano che ha scollinato senza troppi scossoni il congresso cittadino di Potenza è chiamato già nelle prossime settimane a ben più complesse scalate. L’assemblea regionale dove Luongo deve poter dimostrare di essere in grado di garantirsi una maggioranza per continuare a fare il segretario e quindi chiudere la fase congressuale eleggendo e nominando gi organismi. La riunione dovrebbe svolgersi il 5 dicembre prossimo o comunque entro la metà del mese. E poi c’è da consegnare alla Basilicata (e questo spetta alle prerogative del presidente della Regione, Marcello Pittella) la nuova giunta regionale.

Due questioni su cui ovviamente peseranno i nuovi equilibri che si stanno determinando dentro il partito. L’area degli anti - renziani che sostenne nel 2014 la corsa alla segreteria regionale di Luongo si è svuotata. Non ne fanno parte più (solo per citare i big) Santarsiero, Santochirico, Restaino e praticamente anche se non è ufficiale anche De Filippo, Chiurazzi e quindi il consigliere regionale Spada. Con Luongo (che ha perso pure Folino che ha lasciato proprio il Pd) resta Lacorazza e Cifarelli e in seconda battuta Lacorazza che da antirenziano sostenne la candidatura del segretario in carica solo all’ultimo momento guidando l’allora area Civati (un altro che ha lasciato il Pd in antitesi con Renzi). Chiaro che a Luongo serve che i renziani (almeno un parte consistente) gli offrono un sostegno magari a tempo (2017).

Il cambio della geografia politica dem diventa poi dirimente anche per il rimpasto della giunta regionale. L’area renziana è diventata una maxi corrente. Insomma il presidente Pittella ha visto crescere la propria corrente di riferimento in maniera esponenziale. Qualche problema in più ad accontantare tutti evidentemente.

Anche se la questione rimane complessa. Perchè di fatto si sta creando sotto la regia del senatore Margiotta una sorta di area interna renziana di ispirazione cattolico - moderata. Gli ingressi di Vito Santarsiero (e Chiurazzi) in quota Delrio più quello di Erminio Restaino (quota Orfini) più il prossimo arrivo ormai scontato di Vito De Filippo (sponda Guerrini). E non è per nulla escluso che questi possaino spingere per una loro proposta da consegnare a Pittella in chiave assessorato. E il nome più in voga potrebbe essere quello di Erminio Restaino dopo la sua bocciatura (per il veto di Speranza) a segretario cittadino. Anche se è evidente che Margiotta ormai leader di una sottocorrente che inizia a contare nei numeri più che a un assessorato di area potrebbe puntare direttamente alla segreteria regionale per se stesso. Anche se c’è pure da dire che qualora si aprisse una opportunità per un segretario regionale renziana in corsa ci sarebbe anche (e forse soprattutto) Mario Polese.

In ogni caso a tenere banco è più la questione del rimpasto dell’esecutivo regionale. Detto della suggestione Restaino per i renziani moderati c’è da ricordare che gli assessori sono 4 (anche se dalla prossima primavera con l’approvazione del nuovo Statuto) passeranno a 5 lasciando quindi spazi di manovra in divenire. Detto che due dovrebbero essere renziani con Braia confermato c’è l’ipotesi Spada (area neo renziana chiurazziana) o appunto Restaino o chi per lui. Resta intatte le aspirazioni della minoranza che chiede due posti. probabile che si chiuda con uno solo. Se la scelta dovesse essere fatta tra gli speranziani in pole c’è Molinari con in seconda battuta il materano Bellitti. Anche se pure Cifarelli (quota Luongo - Speranza) rimane in corsa. Ma a quel punto rimarrebbe fuori la minoranza guidata da Lacorazza al quale sarebbe stato chiesto comunque di prendere le distanze e non solo verbali dalla scelta di Folino. In ogni caso si annunciano settimane intense. 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?