Salta al contenuto principale

Una corsa a tre per il sindaco?
Mitidieri potrebbe essere il candidato del Pd

Basilicata

Tempo di lettura: 
2 minuti 31 secondi

LAURIA – In vista delle consultazioni amministrative che si terranno nella primavera del 2016 cominciano a delinearsi anche a Lauria gli schieramenti politici che prenderanno parte alla prossima competizione elettorale.

E, come a Lagonegro e a Trecchina – gli altri due comuni dell’area sud dove si andrà al voto - pure nel feudo del presidente della Regione Marcello Pittella la partita per il rinnovo del consiglio comunale e per scegliere il nuovo sindaco sembra essere una questione tutta interna al centro sinistra: con l’unica incognita rappresentata dai grillini del Movimento 5 stelle, vicini agli attivisti “No triv”, che nella patria del beato Lentini costituiscono una forza radicata e consistente, ma il cui peso nell’urna non è facile da stimare perché potrebbero subire l’effetto negativo della dispersione del voto tra le liste civetta.

Nel Partito democratico si attende l’investitura ufficiale da parte del Governatore in favore del primo cittadino attualmente in carica Gaetano Mitidieri, figura carismatica sulla cui candidatura potrebbero convergere i socialisti guidati dal vice sindaco Fabrizio Boccia e finanche gli ex Pd legati a Vito Rossi e Giacomo Reale e i dem di area Cuperlo-Speranza che sostennero Piero Lacorazza alle primarie contro Pittella.

Una variabile impazzita secondo alcuni elettori, comprensibile soltanto alla luce degli scontri e delle complesse manovre di posizionamento che si registrano tra i progressisti a livello regionale e nazionale; che potrebbe però essere ricondotta ad un disegno organico in cambio di ruoli amministrativi importanti e in conseguenza di una possibile convergenza delle varie correnti del Pd alla luce di un accordo programmatico stabile tra il Governatore Pittella e il segretario regionale Antonio Luongo.

Alla sua prima consiliatura, Mitidieri rispetta pienamente i limiti del doppio mandato consecutivo imposti dalla legge ai municipi con più di 3.000 abitanti e dovrebbe essere riconfermato come candidato ufficiale, espressione della segreteria cittadina del partito, ma potrebbe risultare ineleggibile per gli effetti della Severino in conseguenza di carichi giudiziari pendenti relativi alla gestione della discarica di Carpineto.

È opinione diffusa tuttavia che il vero mattatore dei giochi sarà Angelo Lamboglia con la sua lista “Lauria Libera”, mentre dal centro destra di Mariano Picci e del consigliere Mariano Labanca ( che potrebbe candidarsi a sindaco alla guida di una civica ) arrivano per il momento segnali timidi e per tanti versi indecifrabili, considerata l’accusa che viene mossa ad esponenti importanti di area conservatrice di aver addirittura travasato voti in favore proprio di Pittella alle scorse elezioni. Lamboglia - che proprio tra le file di “Lauria Libera” si era candidato nel 2011 contro il sindaco Gaetano Mitidieri e, dunque, contro il governatore, per poi incassare l’assessorato all’Ambiente di Donato Zaccagnino e passare con la maggioranza in seguito ad un rimpasto di giunta – assicura che sarà della contesa e già comincia a scaldare i motori con una serie di iniziative tematiche rivolte alla cittadinanza, come quella sull’ambiente organizzata sabato sera nella sala Brancati. 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?