Salta al contenuto principale

Lutto nella politica lucana
Le voci del cordoglio per l'addio a Luongo

Basilicata

Tempo di lettura: 
3 minuti 44 secondi

«Piango il mio fraterno amico e compagno di tantissime lotte, un gigante della politica e un protagonista della storia lucana».

Quello dell'europarlamentare Gianni Pittella è uno dei primi di messaggio di cordoglio diffusi alla notizia della scomparsa del segretario del Pd lucano, Antonio Luongo.

«La terribile notizia della morte di Antonio Luongo mi raggiunge a New York nel cuore della notte. Sono scioccato. Piango la scomparsa di una persona per bene, un amico a me vicino in tanti recenti momenti difficili nella vita del partito e della regione - ha scritto il pensiero del presidente della Regione Basilicata, Marcello Pittella (Pd) - Sentiremo la sua mancanza. Ci mancherà quel suo modo schietto e diretto di affrontare i problemi, avendo sempre di mira la tenuta di un rapporto coeso e unitario nella società e tra le forze politiche. Un pensiero commosso e affettuoso alla famiglia, in particolare alla moglie e alla figlia così duramente colpite da uno di quei misteri insondabili della vita che specie in questi momenti facciamo fatica a capire».

«Esprimo profondo cordoglio e la vicinanza mia e dell'intera città alla famiglia per la scomparsa di Antonio Luongo. Una persona perbene – ha scritto il sindaco di Potenza Dario De Luca – con la quale ho avuto la possibilità di confrontarmi negli ultimi tempi e della quale ho potuto apprezzare umanità e correttezza. Addolorati per la sua prematura dipartita, come uomini delle Istituzioni, dovremmo essere in grado di fare tesoro del suo esempio di equilibrio e capacità politica non comuni».

«Sono profondamente colpito e addolorato per la scomparsa improvvisa di Antonio Luongo - ha scritto in un messaggio il presidente della Fondazione Italianieuropei, Massimo D’Alema - Antonio è stato per me non solo un carissimo compagno, ma
anche, da molti anni, un amico con il quale ho condiviso tante battaglie e tanti momenti di confidenza e di confronto. Antonio
- scrive ancora D’Alema - è stato un riferimento fondamentale per il centrosinistra della Basilicata e del Mezzogiorno, il regista di tante vittorie, il compagno su cui si poteva fare affidamento nei momenti più difficili. E’ stato anche, per la sua regione, a lungo, uno degli uomini politici più autorevoli e che hanno contribuito al progresso della Basilicata».

«Oggi ho perso un fratello, con il quale ho condiviso una lunga esperienza politica e una fortissima amicizia, in un rapporto sempre dialettico. Antonio era una persona di grande qualità, umana innanzitutto, e poi di grandi capacità politiche. La cifra del suo impegno è sempre stata il disinteresse, che lo ha guidato in tutti questi anni. Il suo amore per la politica, intesa come capacità di muovere le cose, di trovare soluzioni ai problemi, di governare organizzando il consenso, cioè con la forza della democrazia, in una delle più difficili transizioni della nostra storia recente », ha detto l'amico e deputato Pd, Vincenzo Folino.

«La terribile notizia della morte di Antonio Luongo mi sconvolge. Con Antonio scompare un appassionato e coraggioso protagonista della storia di questa Regione. Un uomo generoso, un politico equilibrato e schietto, saggio e ironico - è stato il commento di Maria Cristina Pisani, portavoce del PSI - Questa Regione perde un amico che ha dedicato al bene comune una intera vita con straordinaria e instancabile passione. Alla moglie, la figlia e a tutta la comunità politica del PD giunga il mio più sentito cordoglio e la vicinanza dei socialisti italiani. Antonio é andato via troppo presto. Ci mancherà».

Su Twitter il saluto del presidente del Pd, Matteo Orfini, e del vicesegretario del partito, Lorenzo Guerini.

Un saluto anche da parte dell'ex presidente del consiglio ed ex segretario Pd, Enrico Letta:

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?