Salta al contenuto principale

Verri “deve” unirci non dividerci
E il manager assicura il suo impegno

Basilicata

Tempo di lettura: 
1 minuto 9 secondi

MATERA - Impazzano le polemiche, ci risiamo. Verri sceglie di collaborare con la Puglia, scatta la ressa. E’ utile, non è utile, forse, vediamo. Folla di reazioni alla scelta del manager torinese. Tra queste c’è lo sfogo di Francesco Salvatore, padre dell’idea (assieme alla sua associazione culturale) di proporre Matera per Ecoc 2019. Ma ne parla anche Matera si Muove, che questa volta pensa che bisognerebbe “muoversi” meno verso la Puglia e restare di più a disposizione della Basilicata e di Matera. E, questa volta, non fa mancare la sua voce neppure lo stesso Verri che ammettere di essere «molto grato al presidente Pittella, per aver condiviso con il presidente Emiliano, la mia nomina a Commissario Straordinario di Puglia Promozione» e assicura che «Continuerò a lavorare per Matera 2019 con lo stesso impegno profuso in tutti in questi anni».

Spiega che «ho rinunciato ad altri impegni sul piano nazionale ed internazionale con l’obiettivo di essere ancora più vicino a Matera, che resta in assoluto la priorità del mio lavoro». E specifica che «con Matera 2019 e Puglia Promozione vogliamo costruire un nuovo modello di sviluppo turistico per il Paese proprio a partire dall’esperienza di due regioni meridionali che condividono territori e progettualità». In poche parole, state tranquilli, sarà un successo.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?