Salta al contenuto principale

Rush finale per la nuova giunta-De Luca
La chiusura slitta per le tensioni a mille nel Pd

Basilicata

Tempo di lettura: 
2 minuti 41 secondi

POTENZA - Il più classico dei giochi di nervi ormai. La sensazione è che De Luca stia per chiudere sulla Giunta comunale. Qualche fonte addirittura ieri pomeriggio aveva allertato parlando di una possibile definizione della nuova squadra di assessori a ore. Ma poi si è compreso che non c’erano annunci in arrivo. La soluzione in ogni caso potrebbe arrivare in qualsiasi momento. Anche oggi. Più probabilmente tra Natale e Capodanno. Ma visto che tutto è possibile c’è anche chi ormai si prepara al peggio.

La verità è che le tensioni nel Pd hanno rotto gli argini. De Luca la quadra la troverebbe pure, ma continua ad aspettare una proposta chiara dal Partito democratico che non arriva. O almeno, non ne arriva una soltanto. Tanti i fronti dem aperti: Santarsiero è irritato ancora per le voci sul dissesto; Lacorazza non ci sta a passare per quello che chiede postazioni; tra Margiotta e l’area Giuzio più Robortella è gelo. E per finire c’è la patata bollente del neo segretario cittadino, Enzo Sarli che è nella bufera dopo la contestata direzione di lunedì scorso.

Tanto che un sostegno inaspettata al segretario cittadino arriva addirittura da Erminio Restaino (che era stato in pole per diventare segretario cittadino prima che emergesse la candidatura di Sarli). Restaino sul web ammonisce: «Leggo di richieste di dimissioni del segretario cittadino del Pd eletto solo da qualche settimana. Sono allibito e invito tutti a fermarsi e ragionare. Io stesso ho più volte sottolineato lo stato di confusione in cui versa il partito cittadino ma ritengo che Sarli non abbia alcuna responsabilità politica (parliamo di politica?) ma solo una ingenuità dovuta alla inesperienza. Lo si lasci lavorare. Non si scada nel ridicolo».

Ma intanto Sarli o non Sarli la vicenda si trascina. A ieri trapelavano voci secondo cui l’area Margiotta avrebbe pure concesso di rinunciare a un assessorato per dare spazio all’area De Filippo ma con la richiesta chiara della postazione di vicesindaco di Roberto Falotico. Postazione ambita anche dallo speranziano Giampiero Iudicello. Il resto “racconta” di una postazione per l’area Polese e un’altra ancora  per l’area Speranza (Potenza). Ma sono dinamiche note. Il fatto che la situazione resta bloccata è la dimostrazione plastica che qualcosa non torna. Su tutto comunque ogni giorno che passa si realizza l’enorme assenza dello scomparso Antonio Luongo.

C’è comunque dell’altro. Ieri al netto delle fibrillazioni del Pd e interne alle forze di centrodestra c’è stata la posizione netta, espressa dal Nuovo centro destra in una nota. Viceconte e Taddei hanno espresso massimo sostegno a De Luca, «ritenendo che lo stesso debba proseguire nella sua azione di risanamento e di rilancio della Città. Ogni forza politica, in questa fase deve mettere da parte gli interessi di parte per far prevalere quelli generali. La città ha bisogno di un governo stabile che, in sintonia con il Governo regionale e nazionale, affronti con determinazione i problemi del suo sviluppo. Noi, come nel passato, faremo la nostra parte».

s.santoro@luedi.it

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?