Salta al contenuto principale

C'è da cambiare una moquette (con «urgenza») in Consiglio regionale: pronti 28mila euro

Basilicata
Chiudi
Apri
Didascalia Foto: 
L'aula del Consiglio regionale lucano con la moquette che sarà cambiata «per ragioni d'urgenza»
Tempo di lettura: 
1 minuto 51 secondi

POTENZA –  «Presto, presto, abbiamo un’emergenza!!! Correte tutti». È il 4 settembre, e ci immaginiamo un clima da film Usa, una di quelle scene ambientate nella stanza dei bottoni, una tensione da «situation room» obamiana, tra maniche di camicia arrotolate, bibitoni rigeneranti, ascelle pezzate e volti trafelati ma alfine soddisfatti per il risultato raggiunto: primo lunedì dopo la pausa estiva, il sonnecchiante e pachidermico Palazzo viene squassato da una di quelle vicende che – una volta risolte –  faranno sicuramente riconciliare il cittadino-elettore con la Politica, quella con la P maiuscola che guarda ai bisogni della gente. Alle priorità.

 E al diavolo l’antipolitica: messo nero su bianco, per merito della web trasparenza, il primo pensiero settembrino del Dipartimento Presidenza, su proposta dell’Ufficio Provveditorato e Patrimonio, è una di quelle cose che da mesi e mesi tormentano i lucani, e con essi – di riflesso – quelle figure di vertice che  rappresentano al meglio le loro istanze essendone emanazione istituzionale all’interno della massima assemblea elettiva della Basilicata.

Una di quelle emergenze, appunto, che una volta risolte avranno ricadute invidiabili sulla qualità della vita di tutti: la nuova moquette del Consiglio regionale.

Sì, tutto vero: perché in data 4 settembre 2017 (numero atto 11AO.2017/D.00880) è stato dato l’ok alla determina dirigenziale avente per oggetto i «lavori di sostituzione del rivestimento in moquette a pavimento ed a parete nella sala consiliare del Consiglio regionale di Basilicata». Dunque, si cambia, anzi si raddoppia: non solo a terra ma anche sulle pareti, per rendere l’atmosfera ancora più ovattata.

L’atto, presente tra quelli elencati sul portale della Regione alla voce “Provvedimenti amministrativi”, specifica che si tratta di «affidamento diretto erp (l’urgenza è tale e tanta che c’è scappato pure il refuso sul portale – ndr) ragioni d'urgenza» a una ditta potentina.

L’importo è di poco inferiore ai 28mila euro (precisamente si tratta di 27.757,27 iva compresa). Quanto basta per rifarsi il look in vista delle prossime scadenze elettorali: un po’ dispiace perché a quel blu di rappresentanza molto elegante e assieme istituzionale eravamo quasi affezionati, con quei punti dorati poi a mo’ di cielo stellato sotto i piedi dei consiglieri.

Per tornare al cinema, se il problema di Palermo è il traffico, l’«urgenza» della Basilicata è una moquette. 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?