Salta al contenuto principale

Renzi, tappa a Matera dedicata alla cultura: dal Bibliomotocarro ai quadri di Carlo Levi

Basilicata
Chiudi
Apri
Didascalia Foto: 
Matteo Renzi a Matera con il maestro Antonio La Cava davanti al suo "Bibliomotocarro" (foto Ansa)
Tempo di lettura: 
2 minuti 5 secondi

MATERA – Il segretario del Pd, Matteo Renzi, ha visitato stamani Matera, Capitale europea della Cultura per il 2019: è arrivato intorno alle 9,30 nel centro storico della città lucana a bordo del "Bibliomotocarro", guidato dal maestro Antonio La Cava che da anni gira per l'Italia per spingere i più giovani alla lettura. La tappa materana del tour "Destinazione Italia" è proseguita con la visita a Palazzo Lanfranchi, dove sono esposti alcuni quadri di Carlo Levi; in seguito Renzi ha visitato i rioni Sassi il Borgo La Martella. A Matera Renzi non è arrivato con il treno del Pd in quanto la Città dei Sassi non è servita da una stazione delle Ferrovie dello Stato: da anni si attende il completamento della tratta Ferrandina-Matera, necessaria per collegarsi alla rete nazionale.  Il segretario dem ha al proposito specificato di essere arrivato la notte scorsa nella Città dei Sassi in macchina. «A Matera con il treno per bene si arriverà tra qualche anno: abbiamo finanziato i denari che servivano ed è una vergogna che per tanti non si sia fatto».

Matera 2019 «è una scommessa straordinaria che può aver un recupero e una valorizzazione di questa terra - che già vede risultati molto positivi sul turismo - paragonabile a quella di Expo Milano 2015 e spero di più», ha affermato il leader democratico rispondendo alle domande dei giornalisti. «Spero che la comunità locale e il Governo, che sta lavorando bene (ha incaricato Salvo Nastasi di seguire tutte queste tematiche) riescano ad attrarre aziende e a creare posti di lavoro. Matera 2019 - ha aggiunto - tocca tutto il Paese: la scommessa della Capitale europea della Cultura non è soltanto una scommessa per uno straordinario luogo, ma è la scommessa per un modello di sviluppo che metta la cultura al centro». Riferendosi al «Bibliomotocarro» del «maestro di strada" Lacava, Renzi ha sottolineato che «è una cosa bellissima: è il segno della cultura come segno del futuro di questa terra. Il maestro ricorda a ciascuno di noi che - ha evidenziato Renzi - la vera scommessa da combattere oggi è certo quella contro la povertà economica, ma anche quella contro la povertà educativa».

Poi spazio anche alle questioni nazionali: «Quello che avevo da dire di Banca d’Italia l’ho già detto – ha risposto alle sollecitazioni dei cronisti –. Quello che trovo interessante in questo viaggio d’ascolto, molto più importante delle polemiche quotidiane che vengono fatte - ha aggiunto l'ex premier – è entrare a contatto con l’Italia vera, reale, con le persone di tutti i giorni e farlo oggi a Matera è di una bellezza struggente».

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?