Salta al contenuto principale

A Valsinni, Guardia Perticara e Aliano la Bandiera Arancione del Touring Club Italiano per il triennio 2018-2020

Basilicata
Chiudi
Apri
Didascalia Foto: 
I sindaci lucani premiati oggi a Genova
Tempo di lettura: 
2 minuti 26 secondi

POTENZA – Valsinni, Guardia Perticara e Aliano potranno fregiarsi per il triennio 2018-2020 della Bandiera Arancione del Touring Club Italiano. Il conferimento del prestigioso riconoscimento è avvenuto oggi a Genova, presso la Sala del Maggior Consiglio del Palazzo Ducale. La Bandiera Arancione del Touring Club Italiano viene assegnata, dal 1998, ai borghi eccellenti dell'entroterra che, pur lontani dai crocevia turistici, sono riusciti ad emergere grazie alla qualità dell’accoglienza. L’iniziativa promuove Comuni che sposano bellezza paesaggistica, valore architettonico-culturale e attenzione all’ambiente. 

Valsinni – si legge nelle pagine web del Touring Club Italiano - associa alla valenza naturalistica quella storica, conservando le mura dell'antica Lagaria, fondata secondo la leggenda, da Epeo, costruttore del Cavallo di Troia. Guardia Perticara, piccolo borgo con stretti vicoli e case arroccate viene invece considerato, per la ricostruzione post sima dell’80, un modello di restauro rispettoso delle preesistenze tradizionali. Aliano infine, grazie al suo Museo della Civiltà contadina offre testimonianza della vita contadina attraverso una curata esposizione di oggetti usati nelle attività agricole, artigianali e nella vita quotidiana. 

Riguardo all’iniziativa Bandiera Arancione la Regione Basilicata ha avviato con il Touring Club Italiano un progetto finalizzato a migliorare la qualità del sistema turistico in termini di offerta, performance attrattive e sostenibilità. La Bandiera Arancione è dunque un riconoscimento della qualità sostenibile nel tempo e dello sviluppo dei territori in ottica di investimenti ed occupazione.

Alla cerimonia di oggi hanno preso parte tutti i sindaci dei Comuni meritevoli e sono stati illustrati gli ultimi dati del TCI sulla ricaduta positiva dell'iniziativa: alla cerimonia erano presenti oltre 150 sindaci, 227 le Bandiere arancioni del triennio 2018-2020 (19 in più rispetto alla precedente premiazione del 2015).

Bandiere arancioni, il primo programma di sviluppo e valorizzazione turistica dei borghi in Italia e, ancora oggi, l’unico dedicato esclusivamente a comuni con meno di 15.000 abitanti dell’entroterra, compie 20 anni. L’iniziativa è nata in Liguria, grazie anche al contributo dell’Assessorato al Turismo della Regione, con l’obiettivo di una maggiore valorizzazione dell’entroterra, del suo paesaggio, della sua storia, cultura e tipicità, per avviare un percorso di miglioramento e di crescita economica sostenibile, riconoscendo il ruolo centrale delle comunità locali. L’iniziativa si è quindi sviluppata a livello nazionale, in tutte le regioni, la Toscana è la Regione più arancione d’Italia (con 38 riconoscimenti), seguita da Piemonte (28) e dalle Marche (21).

Il Touring Club Italiano, che nella sua storia spesso è stato precursore di stili e tendenze in tema di turismo e viaggio, per primo ha colto ed evidenziato il potenziale turistico dei piccoli centri dell’entroterra che vent’anni fa erano esclusi da ogni tipo di riflessione e politica di sviluppo turistico. Insieme a Regioni, Comuni e altre reti, ha contribuito a mutare radicalmente consapevolezza, percezione e modello di sviluppo dell’Italia interna, dei borghi e dei piccoli comuni, contribuendo ad evolverli da ambito marginale a destinazione di tendenza.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?